sabato, Febbraio 4, 2023

SI APRE OGGI A MILANO L’EDIZIONE 2018 DI MCE DEEPWATER DEVELOPMENT

Must read

Messico. Sette giacimenti concentrano più della metà della produzione di liquidi

Secondo i dati della Commissione Nazionale degli Idrocarburi (CNH), dei 247 giacimenti petroliferi attivi nel paese, sette concentrano la metà della produzione dei liquidi. Infatti...

Saipem – Due contratti offshore da 900 milioni di dollari

Saipem si è aggiudicata due contratti offshore per un importo complessivo di circa 900 milioni di dollari. Il primo contratto - in partnership con Aker...

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

Apre i battenti oggi, a Milano, MCE Deepwater Development (MCEDD) 2018, evento internazionale di riferimento nel panorama europeo per le attività offshore in acque profonde.

Inaugurato nel 2004 ad Amsterdam, MCEDD giunge oggi alla sua 15esima edizione, in corso al Milan Marriott Hotel dal 9 all’11 aprile, ospitato dall’Eni, il cui sviluppo delle attività deepwater continua costantemente.

E a testimoniare il ruolo chiave giocato in questa edizione dell’evento dalla corporation italiana, saranno ben 15 i manager Eni a intervenire come speaker durante le varie sessioni congressuali che caratterizzano l’intenso programma di MCEDD 2018.

Per il primo giorno è prevista infatti una conferenza sugli aspetti tecnici e operativi animata da rappresentanti di divere major e fornitori di servizi offshore, tra cui EniProgetti, Total, BP e Subsea7. Il secondo giorno si confronteranno, in due sessioni dedicate, i contractor attivi nell’industria offshore come Subsea7, TechnipFMC e BHGE, mentre seguiranno una serie di seminari sugli aspetti tecnici e ingegneristici del business, compreso un focus sulle pipeline cui prenderanno parte anche dirigenti di Saipem. Il terzo giorno, oltre ad una ulteriore serie di focus tecnici e operativi, corporation e fornitori si confronteranno anche sugli aspetti economici e sul ciclo di vita degli impianti produttivi offshore.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Messico. Sette giacimenti concentrano più della metà della produzione di liquidi

Secondo i dati della Commissione Nazionale degli Idrocarburi (CNH), dei 247 giacimenti petroliferi attivi nel paese, sette concentrano la metà della produzione dei liquidi. Infatti...

Saipem – Due contratti offshore da 900 milioni di dollari

Saipem si è aggiudicata due contratti offshore per un importo complessivo di circa 900 milioni di dollari. Il primo contratto - in partnership con Aker...

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

Snam acquista 5 i nuovi impianti di biogas agricolo in Veneto e Friuli Venezia-Giulia

IES Biogas, controllata di Snam4Environment, società del gruppo Snam attiva nel settore del biometano e dell'economia circolare, ha acquistato cinque impianti di biogas agricolo...