giovedì, Maggio 13, 2021

NORD STREAM 2: VIA LIBERA AL GASDOTTO DA GERMANIA E FINLANDIA

Must read

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

Nelle scorse settimane il progetto del Nord Stream 2, gasdotto che porterà il gas russo in Europa del Nord attraverso il Mar Baltico, ha fatto un deciso passo avanti dal punto di vista dell’iter autorizzativo (nonostante le polemiche e la contrarietà da parte di alcuni Paesi UE e dell’Ucraina) ottenendo il ‘via libera’ da parte di Germania e Finlandia.

In particolare – come comunicato dalla stessa società Nord Stream 2 AG (controllata da Gazprom e basata a Zug, in Svizzera) – il Governo di Helsinki ha autorizzato l’utilizzo della Finnish Exclusive Economic Zone (EEZ) per la costruzione della pipeline in relazione ai 374 Km di condotte che passeranno all’interno di tale area. Quello appena ottenuto è però solo il primo dei due permessi necessari per poter attraversare la EEX finlandese: il secondo, che si basa sul Water Act, è atteso nelle prossime settimane.

Il primo ok finlandese segue di pochi giorni l’analogo via libera che Nord Stream 2 AG ha ottenuto dal Governo di Berlino, per poter attraversare i 30 Km della EEZ tedesca interessata dal progetto del nuovo gasdotto. La Stralsund Mining Authority aveva peraltro già approvato a gennaio scorso la costruzione della porzione di pipeline che attraversa, invece, le acque territoriali della Repubblica Federale.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

Perù: riprende la produzione di petrolio nella zona settentrionale

Il Blocco 67, situato nella località di Loreto, ha ripreso le sue attività dopo un anno di paralisi a causa dei bassi prezzi del...