venerdì, Aprile 23, 2021

OTTANA ENERGIA SARA’ IL PRIMO CLIENTE DEL NUOVO HUB GNL DI HIGAS A ORISTANO

Must read

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

La società Higas ha trovato il suo primo cliente per il deposito costiero di GNL che recentemente ha iniziato a costruire nel porto sardo di Oristano, dopo aver portato a termine con successo l’iter autorizzativo del progetto.

Si tratta di Ottana Energia, azienda che gestisce una centrale elettrica nell’omonima località, in provincia di Nuoro, e che ha firmato con Higas – si legge nella nota diffusa da quest’ultima, che è controllata al 66,25% dal gruppo armatoriale norvegese Stolt Nielsen e partecipata con quote paritetica dalla livornese Gas and Heat e da CPL Concordia – un accordo di lungo periodo per la fornitura di GNL dal terminale Oristano, che entrerà in operatività entro il secondo semestre del 2019.

L’accordo tra le società per la fornitura di GNL rappresenta il primo passo verso un percorso per la conversione degli impianti di Ottana, che attualmente sono alimentati con olio di palma e altri combustibili ma che presto verranno adattati per bruciare gas naturale, ed un grande traguardo per la società Higas che ha deciso di investire concretamente per portare il GNL in Sardegna.

Questo traguardo – scrive ancora Higas nel suo comunicato – giunge dopo i passi che l’azionista di maggioranza di Higas, l’armatore norvegese Stolt-Nielsen, ha già messo a segno in quest’ultimo anno, come l’ordine delle navi necessarie ad alimentare il deposito (due unità da 7.500 cmb di capacità commissionate nella primavera del 2017 al cantiere Keppel di Singapore), l’acquisto del terreno dove sorgerà il deposito stesso e l’inizio dei lavori sull’area.

Oristano rappresenterà inoltre uno dei punti di ingresso nella dorsale di trasporto del gas che verrà realizzata a partire da Snam e Società Gasdotti Italia e fortemente voluta dalla Regione Sardegna.

“Non ci resta che continuare su questa strada – hanno dichiarato dalla direzione di Higas – senza proclami, ma offrendo certezze a tutti i clienti sardi”.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...