sabato, Luglio 31, 2021

IL GRUPPO DANESE MAERSK SCOMMETTE SUL DECOMMISSIONING DELLE PIATTAFORME OFFSHORE

Must read

TechnipFMC acquisisce TIOS AS

TechnipFMC ha recentemente comunicato di voler acquisire il restante 49% delle azioni di TIOS AS, la joint venture costituita nel 2018 in collaborazione con...

Saipem – conti in ribasso nel primo semestre 2021 e un piano strategico per guardare al futuro

I risultati del primo semestre 2021. Dopo aver chiuso il primo semestre 2021 con un risultato netto negativo di 779 milioni, attraverso le parole dell’AD...

Iveco fornirà a GLS 120 dei suoi nuovi camion S-WAY alimentati a gas naturale liquefatto

I nuovi camion della gamma S-WAY. Iveco ha recentemente presentato S-WAY, la nuova gamma di veicoli per il trasporto pesante on-road, in grado di offrire...

Eni collabora con BASF per sviluppare bio-propanolo avanzato dagli scarti industriali

Una nuova tecnologia per la filiera dei biocombustibili. La strategia di Eni di sostenere lo sviluppo della filiera dei biocombustibili di “generazione avanzata” continua e...

Maersk Drilling e Maersk Supply Service, due società parte del colosso marittimo danese AP Moller-Maersk (che però sta lavorando per arrivare ad una cessione di entrambe le controllate) costituiranno una joint-venture che offrirà sul mercato servizi di decomissioning delle installazioni offshore agli operatori dell’industria oil&gas.

Dopo decenni di attività, molte installazioni stanno infatti avvicinandosi al termine della loro vita produttiva: solo nel Mare del Nord, entro il 2026 più di 400 giacimenti dovrebbero cessare la produzione, con un costo stimato di 56 miliardi di dollari, mentre a livello globale saranno 700 i campi estrattivi in chiusura.

Mettendo insieme l’esperienza e gli asset a disposizione di Maersk Drilling e Maersk Supply Service, le due società – che inizialmente investiranno circa 20 milioni di dollari per coprire le necessità economiche dei primi anni di attività della newco – saranno in grado di offrire agli operatori un pacchetto che copre circa l’80% di tutte le attività necessarie per un intervento di decomissioning (project management, chiusura dei pozzi e rimozione delle strutture, rimorchio delle piattaforme, ecc.), ma sul lungo periodo l’obbiettivo è quello di arrivare e poter svolgere le operazioni in modo completo gestendone internamente tutte le fasi.

Maersk Drilling e Maersk Supply Service hanno già effettuato interventi di decomissioning di giacimenti offshore nel recente passato, occupandosi dei rispettivi settori di competenza, che ora verranno integrati in una nuova offerta.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

TechnipFMC acquisisce TIOS AS

TechnipFMC ha recentemente comunicato di voler acquisire il restante 49% delle azioni di TIOS AS, la joint venture costituita nel 2018 in collaborazione con...

Saipem – conti in ribasso nel primo semestre 2021 e un piano strategico per guardare al futuro

I risultati del primo semestre 2021. Dopo aver chiuso il primo semestre 2021 con un risultato netto negativo di 779 milioni, attraverso le parole dell’AD...

Iveco fornirà a GLS 120 dei suoi nuovi camion S-WAY alimentati a gas naturale liquefatto

I nuovi camion della gamma S-WAY. Iveco ha recentemente presentato S-WAY, la nuova gamma di veicoli per il trasporto pesante on-road, in grado di offrire...

Eni collabora con BASF per sviluppare bio-propanolo avanzato dagli scarti industriali

Una nuova tecnologia per la filiera dei biocombustibili. La strategia di Eni di sostenere lo sviluppo della filiera dei biocombustibili di “generazione avanzata” continua e...

TotalEnergies annuncia una nuova scoperta di petrolio nel Blocco 58 al largo delle coste del Suriname

A distanza di un anno dalle scoperte di Maka Central e Sapakara West-1, TotalEnergies e Apache Energy, sussidiaria di APA Corporation, hanno annunciato una...