venerdì, Aprile 23, 2021

IL GRUPPO DANESE MAERSK SCOMMETTE SUL DECOMMISSIONING DELLE PIATTAFORME OFFSHORE

Must read

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

Maersk Drilling e Maersk Supply Service, due società parte del colosso marittimo danese AP Moller-Maersk (che però sta lavorando per arrivare ad una cessione di entrambe le controllate) costituiranno una joint-venture che offrirà sul mercato servizi di decomissioning delle installazioni offshore agli operatori dell’industria oil&gas.

Dopo decenni di attività, molte installazioni stanno infatti avvicinandosi al termine della loro vita produttiva: solo nel Mare del Nord, entro il 2026 più di 400 giacimenti dovrebbero cessare la produzione, con un costo stimato di 56 miliardi di dollari, mentre a livello globale saranno 700 i campi estrattivi in chiusura.

Mettendo insieme l’esperienza e gli asset a disposizione di Maersk Drilling e Maersk Supply Service, le due società – che inizialmente investiranno circa 20 milioni di dollari per coprire le necessità economiche dei primi anni di attività della newco – saranno in grado di offrire agli operatori un pacchetto che copre circa l’80% di tutte le attività necessarie per un intervento di decomissioning (project management, chiusura dei pozzi e rimozione delle strutture, rimorchio delle piattaforme, ecc.), ma sul lungo periodo l’obbiettivo è quello di arrivare e poter svolgere le operazioni in modo completo gestendone internamente tutte le fasi.

Maersk Drilling e Maersk Supply Service hanno già effettuato interventi di decomissioning di giacimenti offshore nel recente passato, occupandosi dei rispettivi settori di competenza, che ora verranno integrati in una nuova offerta.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...