lunedì, Luglio 22, 2024

Snam, a tutto gas verso il metanodotto di Ravenna

Must read

Chevron accelera lo sviluppo sfruttando le nuove tecnologie

"Le nuove tecnologie possono fare la differenza nel campo dello sviluppo energetico offshore", dichiara Matt Johnson, specialista nello sviluppo dei giacimenti e nell'ottimizzazione del...

Saipem si aggiudica i lavori per il gasdotto GreenStream

La società energetica Saipem si è aggiudicata un contratto per la sorveglianza e i servizi di intervento sottomarino per il gasdotto GreenStream, che collega...

TotalEnergies vende la sua quota in SPDC JV

TotalEnergies EP Nigeria, controllata africana della multinazionale francese, ha annunciato di aver raggiunto un accordo di compravendita con Chappal Energies - azienda energetica con...

Scoperto un giacimento di petrolio immenso in Kuwait

La compagnia petrolifera Kuwait Oil Company, dell'omonimo paese emirato, ha annunciato la scoperta di un giacimento incredibilmente vasto nell'offshore al largo dell'Isola Failaka. Stando...

Nonostante le critiche e le forti opposizioni degli ambientalisti e degli attivisti contro l’inquinamento sono partiti a Ravenna, più precisamente a Punta Marina, i lavori che vedranno la costruzione di 32 chilometri “terreni” di metanodotto che, con altri 8 chilometri sottomarini si allaccerà alla nave rigassificatrice Singapore BW, ormeggiata alla piattaforma Petra, situata nel porto di Ravenna.

La FSRU (unità galleggiante di stoccaggio e rigassificazione) consentirà un’immissione nella rete nazionale annua di circa 5 miliardi di metri cubi di GNL, che verrà trasformato in gas metano e dovrebbe essere in grado di soddisfare circa l’8% del fabbisogno del Paese.

I lavori di terra sono stati commissionati da parte di Snam alla multinazionale tedesca Max Streicher S.p.A. e hanno un ammontare complessivo di oltre 40 milioni di euro e saranno seguiti da Techfem, società di ingegneria e servizi alla costruzione con sede a Fano.

I lavori offshore e quelli alla piattaforma, invece, sono stati assegnati alle aziende Rosetti Marino, Microperi e Saipem e dovrebbero iniziare a breve.

Non sono mancate, come già detto, le proteste degli ambientalisti.

Angelo Gagliani, attivista del Movimento No Tap/Snam di Brindsi, ha dichiarato:

Si tratta di una piccola Tap. (Trans Adriatic Pipeline, parte del Corridoio Meridionale del Gas che porta il gas in Europa dall’Azerbaijan ndr.) Il metanodotto di Ravenna è stato commissionato alle stesse aziende appaltatrici della Tap che hanno provocato avvelenamento delle falde con cromo esavalente (additivo usato durante gli scavi) a San Basilio. La Tap è tuttora sotto processo per disastro ambientale. Anche a Ravenna faranno un progetto simile, useranno una talpa meccanica, un pozzo di spinta a 400 metri dalla spiaggia (nell’area ex Sarom di Punta Marina, area industriale dismessa), con una tecnologia trenchless, che spingerà tubi di cemento alti 2×2 metri sotto la sabbia. Durante gli scavi a Brindisi nel 2020 hanno intercettato una falda e l’hanno prosciugata, lasciando a secco un quartiere, problemi che continuano tuttora. Le compensazioni sono irrisorie rispetto al danno provocato”.

Latest article

Chevron accelera lo sviluppo sfruttando le nuove tecnologie

"Le nuove tecnologie possono fare la differenza nel campo dello sviluppo energetico offshore", dichiara Matt Johnson, specialista nello sviluppo dei giacimenti e nell'ottimizzazione del...

Saipem si aggiudica i lavori per il gasdotto GreenStream

La società energetica Saipem si è aggiudicata un contratto per la sorveglianza e i servizi di intervento sottomarino per il gasdotto GreenStream, che collega...

TotalEnergies vende la sua quota in SPDC JV

TotalEnergies EP Nigeria, controllata africana della multinazionale francese, ha annunciato di aver raggiunto un accordo di compravendita con Chappal Energies - azienda energetica con...

Scoperto un giacimento di petrolio immenso in Kuwait

La compagnia petrolifera Kuwait Oil Company, dell'omonimo paese emirato, ha annunciato la scoperta di un giacimento incredibilmente vasto nell'offshore al largo dell'Isola Failaka. Stando...

Saipem si aggiudica due contratti in Arabia Saudita

Saipem è riuscita ad aggiudicarsi due grossi contratti offshore in Arabia Saudita, nell'ambito del progetto Long-Term Agreement di Saudi Aramco. Secondo uno dei due...