martedì, Settembre 28, 2021

SNAM PER LA PRIMA VOLTA HA ESPORTATO ALL’ESTERO GAS VIA PIPELINE

Must read

Exxon pagherà 340.000 euro per gli audit del progetto Payara

In base alla licenza di produzione del campo di Payara, Esso Exploration de Petróleo e Production Guyana Limited pagheranno alla Guyana 340.000 euro all'anno...

PDVSA autorizza l’importazione di sei milioni di litri di gasolio dalla Colombia

Un anno e mezzo fa la Camera petrolifera del Venezuela aveva chiesto l'importazione di combustibili dalla Colombia, ma la richiesta ha trovato molti ostacoli,...

ConocoPhillips acquisterà l’asset di Shell Permian per 8 miliardi di euro

La compagnia ConocoPhillips ha acquistato le attività nel bacino del Permiano di Royal Dutch Shell per un valore di 8 miliardi di euro, consolidando...

Perù. Petrotal annuncia una produzione record di 15.000 barili al giorno

La società statunitense Petrotal che gestisce il Blocco 95 in provincia peruviana di Loreto ha annunciato di aver raggiunto un record di produzione nel...

L’Italia, per la prima volta, ha esportato gas naturale via pipeline. Si tratta al momento di una fornitura spot, che assume però particolare importanza poiché costituisce il primo passo della strategia di Snam, che punta a creare nell’Europa meridionale, e in Italia in particolare, un hub internazionale per il commercio di gas.

Marco Alverà, CEO dell’operatore italiano che gestisce la rete nazionale di gasdotti, aveva illustrato gli obbiettivi dell’azienda lo scorso gennaio, spiegando come una parte degli investimenti per complessivi 5 miliardi di euro programmati nei prossimi anni saranno destinati proprio ad interventi sulla rete di condotte oggi utilizzate per importare il gas dall’estero (soprattutto dalla Russia), al fine di poterne all’occorrenza invertire il flusso.

In sostanza, il numero uno di Snam vorrebbe immettere gas destinato all’export nelle linee di trasporto dove al momento transita solo il prodotto importato in Italia. A tal fine è necessario dotare le tubazioni di un sistema di valvole in grado di invertire il flusso del gas: un intervento compelsso che sarà portato a termine entro ottobre 2018.

Ma nel frattempo – come riferisce l’agenzia di stampa Bloomberg – è già stata effettuata la prima consegna in export: la Svizzera, infatti, dal 14 marzo scorso ha prelevato 3 milioni di metri cubi di gas al giorno dalla rete italiana, rendendosi protagonista di un’operazione commerciale storica, visto che mai prima d’ora l’Italia aveva esportato all’estero gas tramite pipeline.

Al termine dell’upgrade infrastrutturale, Snam sarà in grado di fornire gas alla Svizzera, Germania, Francia e Nord Europa.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Exxon pagherà 340.000 euro per gli audit del progetto Payara

In base alla licenza di produzione del campo di Payara, Esso Exploration de Petróleo e Production Guyana Limited pagheranno alla Guyana 340.000 euro all'anno...

PDVSA autorizza l’importazione di sei milioni di litri di gasolio dalla Colombia

Un anno e mezzo fa la Camera petrolifera del Venezuela aveva chiesto l'importazione di combustibili dalla Colombia, ma la richiesta ha trovato molti ostacoli,...

ConocoPhillips acquisterà l’asset di Shell Permian per 8 miliardi di euro

La compagnia ConocoPhillips ha acquistato le attività nel bacino del Permiano di Royal Dutch Shell per un valore di 8 miliardi di euro, consolidando...

Perù. Petrotal annuncia una produzione record di 15.000 barili al giorno

La società statunitense Petrotal che gestisce il Blocco 95 in provincia peruviana di Loreto ha annunciato di aver raggiunto un record di produzione nel...

Il Parlamento apre un’inchiesta sui contratti di fornitura di Petroecuador

Petroecuador ha riferito alla stampa che per soddisfare la richiesta del presidente della Commissione di Vigilanza dell'Assemblea Nazionale sulle operazioni della gestione del commercio...