lunedì, Ottobre 3, 2022

SNAM PER LA PRIMA VOLTA HA ESPORTATO ALL’ESTERO GAS VIA PIPELINE

Must read

Eni si candida in UK per una licenza di stoccaggio di CO2 nel giacimento di Hewett

Eni UK annuncia di aver sottoposto alla North Sea Transition Authority (NSTA) la candidatura per una licenza di stoccaggio di anidride carbonica nel giacimento...

YPFB investirà nel sistema di distribuzione del gas naturale di Puerto Suárez

Il sistema di distribuzione del gas naturale andrà a beneficio del settore produttivo della città di Puerto Suárez (al confine con il Brasile), poiché...

Eni compie una nuova importante scoperta di gas a largo di Cipro

Eni annuncia una importante scoperta di gas con il pozzo Cronos-1, nel Blocco 6, a circa 160 chilometri al largo di Cipro, in una...

ExxonMobil scopre nuove riserve di petrolio

Il quinto progetto nel blocco Stabroek condotto dalla compagnia ExxonMobil, prende di mira i tre grandi giacimenti di Uaru, Mako e Snoek. Il pozzo Snoek-1...

L’Italia, per la prima volta, ha esportato gas naturale via pipeline. Si tratta al momento di una fornitura spot, che assume però particolare importanza poiché costituisce il primo passo della strategia di Snam, che punta a creare nell’Europa meridionale, e in Italia in particolare, un hub internazionale per il commercio di gas.

Marco Alverà, CEO dell’operatore italiano che gestisce la rete nazionale di gasdotti, aveva illustrato gli obbiettivi dell’azienda lo scorso gennaio, spiegando come una parte degli investimenti per complessivi 5 miliardi di euro programmati nei prossimi anni saranno destinati proprio ad interventi sulla rete di condotte oggi utilizzate per importare il gas dall’estero (soprattutto dalla Russia), al fine di poterne all’occorrenza invertire il flusso.

In sostanza, il numero uno di Snam vorrebbe immettere gas destinato all’export nelle linee di trasporto dove al momento transita solo il prodotto importato in Italia. A tal fine è necessario dotare le tubazioni di un sistema di valvole in grado di invertire il flusso del gas: un intervento compelsso che sarà portato a termine entro ottobre 2018.

Ma nel frattempo – come riferisce l’agenzia di stampa Bloomberg – è già stata effettuata la prima consegna in export: la Svizzera, infatti, dal 14 marzo scorso ha prelevato 3 milioni di metri cubi di gas al giorno dalla rete italiana, rendendosi protagonista di un’operazione commerciale storica, visto che mai prima d’ora l’Italia aveva esportato all’estero gas tramite pipeline.

Al termine dell’upgrade infrastrutturale, Snam sarà in grado di fornire gas alla Svizzera, Germania, Francia e Nord Europa.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni si candida in UK per una licenza di stoccaggio di CO2 nel giacimento di Hewett

Eni UK annuncia di aver sottoposto alla North Sea Transition Authority (NSTA) la candidatura per una licenza di stoccaggio di anidride carbonica nel giacimento...

YPFB investirà nel sistema di distribuzione del gas naturale di Puerto Suárez

Il sistema di distribuzione del gas naturale andrà a beneficio del settore produttivo della città di Puerto Suárez (al confine con il Brasile), poiché...

Eni compie una nuova importante scoperta di gas a largo di Cipro

Eni annuncia una importante scoperta di gas con il pozzo Cronos-1, nel Blocco 6, a circa 160 chilometri al largo di Cipro, in una...

ExxonMobil scopre nuove riserve di petrolio

Il quinto progetto nel blocco Stabroek condotto dalla compagnia ExxonMobil, prende di mira i tre grandi giacimenti di Uaru, Mako e Snoek. Il pozzo Snoek-1...

Petrobras conclude la vendita dei giacimenti di Ceará

La compagnia petrolifera statale Petrobras, ha affermato in un comunicato di aver concluso la vendita di tutte le sue partecipazioni nei giacimenti onshore di...