venerdì, Settembre 17, 2021

Stati Uniti. La IEA prevede che la domanda globale di petrolio aumenterà di 5 milioni di barili nel 2021

Must read

Costi del gas in aumento e corsa alla transizione ecologica – le posizioni del Premier Draghi e del Ministro Cingolani

Decarbonizzazione e transizione alle energie rinnovabili. Ospite al quindicesimo forum economico italo-tedesco “Ripartiamo con l’Italia”, svoltosi di recente a Cernobbio, il Presidente del Consiglio Mario...

Edison e Snam insieme a Saipem e Alboran per il Progetto Green Hydrogen Valley in Puglia

Edison e Snam hanno firmato un Memorandum of Understanding (MoU) insieme a Saipem e Alboran Hydrogen, che già avevano sottoscritto un accordo di collaborazione lo...

Messico. Il presidente Lopez Obrador vuole promulgare la nuova legge della riforma energetica

Andrés Manuel López Obrador, presidente del Messico, ha annunciato che la riforma costituzionale in materia energetica sarà consegnata alla Camera dei Deputati entro la...

Stati Uniti. La IEA prevede che la domanda globale di petrolio aumenterà di 5 milioni di barili nel 2021

In base all’ultimo rapporto pubblicato dall'Agenzia Internazionale per l'energia (IEA), la domanda mondiale di petrolio dovrebbe recuperare di 1,6 milioni di barili al giorno...

In base all’ultimo rapporto pubblicato dall’Agenzia Internazionale per l’energia (IEA), la domanda mondiale di petrolio dovrebbe recuperare di 1,6 milioni di barili al giorno a ottobre e continuare a crescere fino alla fine dell’anno.

Se continuasse questa tendenza quindi la domanda mondiale di petrolio aumenterà di 5 milioni di barili nel 2021 e di 3,2 milioni di barili nel 2022.

L’offerta globale di petrolio è scesa di 540.000 barili al giorno ad agosto raggiungendo 96 milioni di barili al giorno.

A luglio, il forte calo dell’attività nelle raffinerie cinesi e l’impatto dell’uragano Ida negli Stati Uniti di qualche settimana fa hanno portato la raffinazione globale nel terzo trimestre a 78,5 milioni di barili al giorno, con un aumento di 1,5 mbd rispetto al secondo trimestre.

All’inizio di settembre, le perdite di offerta causate dall’uragano Ida hanno portato i prezzi quasi ai livelli di inizio luglio e il prezzo Brent si è attestato a 73,80 dollari al barile, mentre il WTI ha toccato 70 dollari al barile.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Costi del gas in aumento e corsa alla transizione ecologica – le posizioni del Premier Draghi e del Ministro Cingolani

Decarbonizzazione e transizione alle energie rinnovabili. Ospite al quindicesimo forum economico italo-tedesco “Ripartiamo con l’Italia”, svoltosi di recente a Cernobbio, il Presidente del Consiglio Mario...

Edison e Snam insieme a Saipem e Alboran per il Progetto Green Hydrogen Valley in Puglia

Edison e Snam hanno firmato un Memorandum of Understanding (MoU) insieme a Saipem e Alboran Hydrogen, che già avevano sottoscritto un accordo di collaborazione lo...

Messico. Il presidente Lopez Obrador vuole promulgare la nuova legge della riforma energetica

Andrés Manuel López Obrador, presidente del Messico, ha annunciato che la riforma costituzionale in materia energetica sarà consegnata alla Camera dei Deputati entro la...

Stati Uniti. La IEA prevede che la domanda globale di petrolio aumenterà di 5 milioni di barili nel 2021

In base all’ultimo rapporto pubblicato dall'Agenzia Internazionale per l'energia (IEA), la domanda mondiale di petrolio dovrebbe recuperare di 1,6 milioni di barili al giorno...

Eni e Aeroporti di Roma collaborano per la decarbonizzazione del settore aereo

Eletto come miglior scalo in Europa e primo polo aeroportuale italiano negli ultimi tre anni, Aeroporti di Roma ha recentemente annunciato di aver firmato...