mercoledì, Dicembre 8, 2021

Versalis e Saipem insieme per la nuova tecnologia PROESA®

Must read

Russia diventa il secondo fornitore di petrolio degli Stati Uniti

Nonostante la grande tensione politica in atto tra i due paesi, nel gennaio 2019, un mese prima dell'entrata in vigore delle sanzioni imposte dal...

Guyana. Il Ministro dell’Energia indeciso nella costruzione di nuove raffinerie

Nonostante la scoperta dei 10 miliardi di barili di petrolio scoperti nel Blocco Stabroek e dalle campagne esplorative in altri blocchi, sono diversi gli...

Bolivia. YPFB sostituirà parte delle importazioni di carburante con etanolo nazionale

La compagnia petrolifera statale boliviana YPFB ha riferito che entro il 2022 sostituirà le importazioni di carburante del 20%, risparmierà valuta estera e genererà...

La produzione petrolifera colombiana tocca 740.000 barili al giorno in ottobre

Il Ministero delle Miniere e dell'Energia della Colombia (Minenergía) ha riferito che la produzione di petrolio in ottobre ha raggiunto una media di 740.000...

PROESA® è la nuova tecnologia proprietaria di Versalis, società del settore chimico di Eni, in grado di produrre bioetanolo sostenibile e prodotti chimici provenienti da biomasse lignocellulosiche.

In collaborazione con Saipem, leader nelle attività di ingegneria, perforazione e di grandi progetti per il settore energetico, le due società promuoveranno PROESA® su scala mondiale.

Attraverso un processo di idrolisi e fermentazione di biomasse non destinate all’alimentazione umana, bensì scarti agricoli, cippato di legno e colture energetiche, PROESA® produce bioetanolo di seconda generazione, considerato da UE “Advanced biofuel”.

Secondo l’accordo, Versalis gestirà gli aspetti commerciali relativi alla concessione della licenza della tecnologia in questione, fornendo assistenza e servizi di ingegneria; Saipem, invece, seguirà le varie fasi di sviluppo degli impianti di produzione, dalla progettazione alla loro realizzazione.

L’impianto di riferimento per la commercializzazione internazionale è quello di Versalis a Crescentino (Vercelli), dove è stata sviluppata la tecnologia PROESA®.

Per Versalis, in linea con la strategia di decarbonizzazione di Eni, questo è un importante passo avanti per rendere le proprie attività e prodotti sempre più diversificati e sostenibili, dando così un significativo contributo allo sviluppo dell’economia circolare del paese.

L’amministratore delegato di Versalis, Adriano Alfani, commenta: “L’accordo siglato con Saipem avrà un ruolo fondamentale nel posizionamento a livello internazionale della tecnologia proprietaria Versalis, nata e sviluppata tutta in Italia, nell’ambito della chimica da fonti rinnovabili. L’obiettivo è che questa tecnologia innovativa, che è parte integrante del nostro piano di trasformazione in chiave sostenibile all’interno della più ampia strategia di decarbonizzazione di Eni, contribuisca allo sviluppo di prodotti da rinnovabili in un settore della chimica globalmente in crescita”.

Saipem, dopo aver intrapreso una strategia indirizzata alla produzione di energie rinnovabili e sostenibili, amplierà, con questo accordo, la propria offerta di tecnologie per la chimica cosiddetta green, soddisfacendo la sempre più elevata richiesta, internazionale e nazionale, di processi produttivi a bassissimo impatto ambientale.

Francesco Caio, Amministratore Delegato di Saipem, ha commentato: “La domanda globale di bioetanolo è prevista in crescita nei prossimi anni e con Versalis intendiamo soddisfarla facendo leva su una tecnologia tra le più promettenti. Questo accordo rappresenta per entrambi un’opportunità in termini di crescita e vantaggio competitivo ed è un ulteriore tassello della nostra strategia di sviluppo di tecnologie “green” per la transizione energetica”.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Russia diventa il secondo fornitore di petrolio degli Stati Uniti

Nonostante la grande tensione politica in atto tra i due paesi, nel gennaio 2019, un mese prima dell'entrata in vigore delle sanzioni imposte dal...

Guyana. Il Ministro dell’Energia indeciso nella costruzione di nuove raffinerie

Nonostante la scoperta dei 10 miliardi di barili di petrolio scoperti nel Blocco Stabroek e dalle campagne esplorative in altri blocchi, sono diversi gli...

Bolivia. YPFB sostituirà parte delle importazioni di carburante con etanolo nazionale

La compagnia petrolifera statale boliviana YPFB ha riferito che entro il 2022 sostituirà le importazioni di carburante del 20%, risparmierà valuta estera e genererà...

La produzione petrolifera colombiana tocca 740.000 barili al giorno in ottobre

Il Ministero delle Miniere e dell'Energia della Colombia (Minenergía) ha riferito che la produzione di petrolio in ottobre ha raggiunto una media di 740.000...

OPEC+ conferma la decisione di aumentare la produzione di 400.000 b/g da gennaio

La 23 .ma riunione dell’OPEC e dei Paesi produttori che non fanno parte di questa istituzione, conferma la sua predisposizione di aumentare la produzione...