venerdì, Maggio 20, 2022

WIKA : NUOVO CONTROLLORE DI PRESSIONE

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

 

PIC_NE_PR2015_de_de_69199

Nuovo controllore di pressione: due sensori e un campo di pressione fino a 210 bar

Arese, Agosto 2015.
WIKA ha progettato il controllore di pressione pneumatico CPC4000 per una ampia gamma di applicazioni. Il nuovo strumento rappresenta inoltre una valida alternativa a costi contenuti rispetto alle soluzioni di fascia alta.

All’interno della gamma dei controllori WIKA, il nuovo CPC4000 sostituisce il controllore di pressione ad alta velocità modello CPC3000. Il nuovo strumento offre funzioni e prestazioni migliorate e, con la velocità di controllo fino a un massimo di 10 secondi per il raggiungimento del setpoint, è ancora relativamente veloce. Il nuovo controllore offre un campo di pressione esteso fino a 210 bar (3.045 psi) ed è dotato di due sensori di pressione di riferimento che sono controllati automaticamente in funzione del tipo di taratura che viene effettuata. I sensori hanno inoltre una precisione dello 0,02% FS oppure, in opzione, dello 0,02% IS-50. Il funzionamento intuitivo del nuovo controllore tramite il display LCD da 7” a colori touchscreen corrisponde al concetto dell’intera famiglia di prodotti.

Il CPC4000 viene principalmente utilizzato come strumento campione nella produzione dei sensori di pressione a basso costo e nel settore oil & gas. La velocità di controllo impostabile ora disponibile, rende lo strumento in grado di collaudare e verificare anche i pressostati.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...