martedì, Maggio 17, 2022

A CIPRO PROGETTI OFFSHORE RIMANDATI A CAUSA DI COVID E PETROLIO DEBOLE

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Dopo il primo annuncio di ExxonMobil, il Governo di Cipro ora teme che le altre major seguiranno la corporation americana decidendo di posticipare le trivellazioni nell’offshore dell’isola mediterranea a causa degli effetti combinati (e interconnessi) dell’epidemia di coronvirus e della debolezza del mercato petrolifero (che da sempre ‘guida’ anche quello del gas naturale).

Il ministro dell’Energia di Cipro Giorgos Lakkotrypis – secondo quanto riportato nei giorni scorsi dalla stampa locale – ha recentemente confermato che Exxon ha comunicato la necessità di posticipare di oltre 12 mesi, da settembre 2020 a settembre 2021, le perforazioni previste a breve nel Blocco 10, dove si trova il più grande giacimento di gas fino ad ora scoperto nella Exclusive Economic Zone (ECZ) cipriota, regione in cui molte aziende internazionali sono a caccia di idrocarburi su input dell’esecutivo di Nicosia, che punta a trasformare l’isola in un hub mediterraneo del gas auspicando il ritrovamento di riserve ‘monstre’ come le vicine Zohr (Egitto) e Leviathan (Israele).

Exxon si è detta costretta a questa decisione dalla situazione di emergenza sanitaria e dal basso prezzo del barile, che sta deprimendo tutto il mercato e che aveva già spinto l’azienda USA ad annunciare, solo pochi giorni fa, un corposo taglio delle spese per investimenti programmate per il 2020.

Ora quindi, a Cipro, si teme che la mossa di Exxon possa scatenare una reazione a catena: lo stesso Lakkotrypis ha dichiarato che molto probabilmente anche l’italiana Eni e la francese Total posticiperanno gli interventi di perforazione già programmati nell’offshore dell’isola, proprio ora che Nicosia aveva appena ottenuto 300 milioni di euro di fondi per finanziare la costruzione di una nuova FPSO da installare al largo delle coste nazionali.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...