venerdì, Aprile 23, 2021

A FEBBRAIO PER LA PRIMA VOLTA LA RUSSIA E’ STATA IL MAGGIOR FORNTORE DI GNL ALL’EUROPA

Must read

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

Anche se dovuto, almeno in parte, a fattori contingenti, il primato è comunque significativo nella definizione degli equilibri geopolitici mondiali: lo scorso febbraio, per la prima volta nella sua storia di esportatore di gas naturale liquefatto, la Russia è stato il primo fornitore di GNL dell’Europa.

A riportarlo è l’agenzia di stampa Reuters, che ricorda come Mosca abbia scalzato dal vertice della classifica fornitori storici del vecchio continente, a partire da Qatar e Nigeria, e anche il newcomer, ovvero gli Stati Uniti.

A febbraio 2019 sono stati sbarcati presso i rigassificatori del Vecchio Continente, specie nell’Europa settentrionale, 19 carichi di GNL provenienti dall’impianto Yamal LNG, pari a 1,41 milioni di tonnellate, la quantità mensile più elevata da quando l’hub russo, situato nella regione artica, ha iniziato ad operare nel dicembre 2017.

Questo balzo delle forniture russe dimostra anche – secondo l’agenzia di stampa britannica – come il livello della domanda e dei prezzi del GNL sul mercato asiatico, entrambi minori delle aspettative, abbiano reso l’Europa una destinazione maggiormente appetibile per le spedizioni di gas russo provenienti da Yamal – che peraltro riesce ad avere un prezzo competitivo nel Vecchio Continente – come conferma il fatto che a febbraio nessun carico di prodotto con tale origine sia giunto in Far East.

Parallelamente alla crescita delle forniture russe, è sceso il numero di carichi di GNL arrivati in Europa da altre destinazioni, a partire degli USA: solo 9 spedizioni a febbraio, per un totale di 0,64 milioni di tonnellate di prodotto consegnato, il livello più basso fin dallo scorso novembre (complici condizioni meteo non favorevoli nel Golfo e una serie di interventi di manutenzione in alcuni terminal di export americani). Un arretramento notevole, considerando che a gennaio gli Stati Uniti erano risultati il secondo fornitore europeo dietro al Qatar, che invece è rimasto stabile attorno alle 17-19 spedizioni mensili (in particolare a febbraio i carichi sono stati 18, per 1,33 milioni di tonnellate).

La Nigeria ha spedito invece 16 carichi di GNL in Europa la scorso febbraio, rispetto ai 19 di gennaio, mentre l’Algeria, altro storico fornitore del Vecchio Continente, dai 19 di gennaio è scesa a 18 a febbraio.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...