sabato, Giugno 3, 2023

Anche nel 2021 consumi petroliferi italiani in forte calo, secondo i dati di Unem

Must read

Importante scoperta per Aker BP nell’offshore norvegese

Nell'area di Yggdrasil, che si trova nella porzione norvegese del Mare del Nord, Aker BP ha scoperto un possibile giacimento petrolifero chiamato Øst Frigg...

Test più che positivi per Equinor a Johan Sverdrup

Johan Sverdrup è un giacimento di proprietà Equinor che si trova nel Mare del Nord, più precisamente nella zona di Utsirahøyden, in Norvegia. Inizialmente questo...

Equinor fa un passo indietro sul progetto Trollvind

“Apprezziamo tutti gli interessamenti più che positivi da parte di classe politica, fornitori e autorità per quanto riguarda il progetto Trollvind. Esso era un...

Stop di Petrobras in Amazzonia, gli ambientalisti dicono no

Nel bacino di Foz do Amazonas, al largo dello stato ai Amapà, in Brasile, si trova un giacimento petrolifero, che copre un'area lunga 2.200...

Dopo il pesante calo registrato nel 2020, a causa della pandemia di coronavirus, anche nei primi due mesi del 2021 i consumi petroliferi italiani si stanno rivelando in netta contrazione.

A certificarlo sono i dati relativi a gennaio e febbraio 2021 diffusi dall’associazione Unem (la ex Unione Petrolifera), secondo cui nei primi 60 giorni dell’anno i consumi petroliferi totali sono ammontati complessivamente a 7,5 milioni di tonnellate, il 20% in meno (ovvero 1,87 milioni di tonnellate) rispetto ai primi due mesi del 2020, quando il coronavirus non si era ancora diffuso a livello mondiale.

Nel dettaglio, a gennaio e febbraio 2021 i consumi di carburanti per autotrazione (benzina + gasolio) sono risultati pari a poco meno di 4 milioni di tonnellate, con un decremento del 18% (-868.000 tonnellate) rispetto allo stesso periodo del 2020.

In questo periodo la benzina totale ha mostrato un decremento del 23,7%, con la benzina venduta sulla rete che ha mostrato una discesa del 23,8%; il gasolio per autotrazione ha evidenziato un calo del 16,3%, mentre il gasolio venduto sulla rete del 21,1%.

Nel primo bimestre 2021 – prosegue la nota di Unem – le immatricolazioni di autovetture nuove hanno evidenziato una riduzione del 13,1%. Quelle a benzina hanno rappresentato il 34,6% del totale (era il 45,8% nel corrispondente periodo 2020), quelle diesel il 25,6 % (era il 33,9% nello stesso periodo del 2020), mentre le ibride il 26,8% (era il 9,8% nello stesso periodo del 2020).

Quanto alle altre alimentazioni, nel periodo considerato il peso delle auto a Gpl e stato del 5,6%, a metano del 2,2% e delle elettriche del 5,2%.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Importante scoperta per Aker BP nell’offshore norvegese

Nell'area di Yggdrasil, che si trova nella porzione norvegese del Mare del Nord, Aker BP ha scoperto un possibile giacimento petrolifero chiamato Øst Frigg...

Test più che positivi per Equinor a Johan Sverdrup

Johan Sverdrup è un giacimento di proprietà Equinor che si trova nel Mare del Nord, più precisamente nella zona di Utsirahøyden, in Norvegia. Inizialmente questo...

Equinor fa un passo indietro sul progetto Trollvind

“Apprezziamo tutti gli interessamenti più che positivi da parte di classe politica, fornitori e autorità per quanto riguarda il progetto Trollvind. Esso era un...

Stop di Petrobras in Amazzonia, gli ambientalisti dicono no

Nel bacino di Foz do Amazonas, al largo dello stato ai Amapà, in Brasile, si trova un giacimento petrolifero, che copre un'area lunga 2.200...

En plein per Saipem: due nuovi contratti in arrivo

Saipem si è aggiudicata, pochi giorni fa, due nuovi contratti offshore il cui valore complessivo si aggira intorno agli 850 milioni di dollari, confermando...