venerdì, Aprile 23, 2021

ARCTIC LNG2: ALL’ITALIANA FORES ENGINEERING (ROSETTI MARINO) CONTRATTO DA 23 MILIONI DI EURO

Must read

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...

Artic LNG2, il consorzio – guidato da Technip FMC e partecipato da Saipem e da Novatek – che sta realizzando l’omonimo maxi progetto per un terminal di export del gas naturale liquefatto sulla costa settentrionale della Russia, ha assegnato una commessa del valore di 23 milioni di euro all’azienda italiana Fores Engineering.

Fores, controllata del cantiere navale di Rosetti Marino di Ravenna (specializzato in mezzi offshore), è stata incaricata di fornire un pacchetto completo di tecnologie per le telecomunicazioni, destinate al nuovo impianto a GNL.

“Grazie a questa importante acquisizione, che si aggiunge a quelle precedenta, di analogo tenore, ottenuta in Algeria da Touat Gaz e ad altre minori, Fores Engineering conferma il suo ruolo di leadership mondiale in questo settore strategico dell’industria oil&gas”.

Il progetto Arctic LNG 2 prevede la costruzione di 3 treni per la liquefazione del gas installati su altrettante Gravity Based Structures (GBS), per una capacità totale pari a 19,8 milioni di tonnellate all’anno, che renderanno quello russo il secondo più grande impianto per la produzione di GNL attivo nel mondo.

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...

Petrobras cerca operatori internazionali per assegnare la gestione del terminal di rigassificazione Bahia LNG

Procede il processo avviato dalla corporation petrolifera statale brasiliana Petrobras per affidare la gestione del terminal di rigassificazione offshore Bahia LNG. La procedura, partita nella...