martedì, Maggio 17, 2022

ASSOMINERARIA PUBBLICA LA MAPPA DELLE 118 PIATTAFORME OFFSHORE ITALIANE

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Sono in tutto 118 le piattaforme offshore installate nelle acque territoriali del Belpaese. O meglio, tale è il numero delle installazioni che risultava al 31 dicembre 2018, secondo i dati del Ministero dello Sviluppo Economico riportati da Assomineraria – l’associazione italiana delle imprese minerarie e petrolifere aderente a Confindustria – che ha anche pubblicato sul suo sito istituzionale una dettagliata mappa di tutte le piattaforme offshore italiane.

La maggiore concentrazione di impianti si verifica nell’altro Adriatico, suddiviso nelle zone A e B, in cui si trovano rispettivamente 62 e 42 piattaforma offshore. La zona C è invece ubicata nel mare siciliano, indicativamente davanti alle coste di Gela, ed è ‘abitata’ da 5 piattaforme, stesso numero di installazioni riscontrato anche nella zona D, davanti alla costa calabrese del Mar Ionio.

Nessuna traccia, sulla mappa pubblicata da Assomineraria, della zona E, mentre nella zona F, situata nell’offshore di Bari, in basso Adriatico, c’è una sola piattaforma. L’ultima zona è la G, che si trova al largo di Trapani e Marsala, in Sicilia, e accoglie da 3 impianti offshore.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...