mercoledì, Aprile 21, 2021

TAP CONFERMA: ‘FIRST GAS’ IMMESSO (SOLO COME TEST) NEL TRATTO GRECO DEL GASDOTTO

Must read

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...

Petrobras cerca operatori internazionali per assegnare la gestione del terminal di rigassificazione Bahia LNG

Procede il processo avviato dalla corporation petrolifera statale brasiliana Petrobras per affidare la gestione del terminal di rigassificazione offshore Bahia LNG. La procedura, partita nella...

Dopo la notizia del completamento del tratto greco del gasdotto Trans Adriatic Pipeline (TAP), l’omonima società, cui compete lo sviluppo del progetto nonché la realizzazione della nuova infrastruttura energetica, ha annunciato ufficialmente l’immissione del ‘first gas’ all’interno della condotta.

Il 25 novembre – ha spiegato TAP AG in una nota – “è stato introdotto il primo quantitativo di gas naturale in un tratto della pipeline lungo 2 Km, che corre in territorio greco e collega Evros e la stazione di compressione di Kipoi”.

Al momento, come ha riferito la società, si tratta solo di una fase di test, ma l’operazione è particolarmente rilevante poiché costituisce l’avvio dell’intero processo di collaudo dell’opera, che durerà diversi mesi e che ha come scopo quello di “verificare e garantire che l’infrastruttura sia completamente sicura e pronta per operare una volta completata in ogni sua parte, in linea con gli standard di sicurezza internazionali”.

Il ‘first gas’ nel tratto greco del TAP segna quindi “un ulteriore passo avanti verso la consegna del gas estratto dal giacimento azero Shah Deniz II in Europa”. Dopo l’immissione in questo primo tratto, il gas verrà fatto fluire in altre porzioni della condotta, prima in Grecia, poi in Albania e infine in Italia, dove termina il percorso della Trans Adriatic Pipeline, le cui attività commerciali dovrebbero partire a ottobre 2020.

 

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...

Petrobras cerca operatori internazionali per assegnare la gestione del terminal di rigassificazione Bahia LNG

Procede il processo avviato dalla corporation petrolifera statale brasiliana Petrobras per affidare la gestione del terminal di rigassificazione offshore Bahia LNG. La procedura, partita nella...

PAROLE DI SCIENZA (a cura di Roberto Vacca) Il degrado culturale corrompe il nostro pensare

Se eri considerato una persona colta vari decenni fa , e anche se hai provato ad aggiornarti, ti senti come lo scemo del villaggio...