lunedì, Ottobre 3, 2022

TAP CONFERMA: ‘FIRST GAS’ IMMESSO (SOLO COME TEST) NEL TRATTO GRECO DEL GASDOTTO

Must read

Eni si candida in UK per una licenza di stoccaggio di CO2 nel giacimento di Hewett

Eni UK annuncia di aver sottoposto alla North Sea Transition Authority (NSTA) la candidatura per una licenza di stoccaggio di anidride carbonica nel giacimento...

YPFB investirà nel sistema di distribuzione del gas naturale di Puerto Suárez

Il sistema di distribuzione del gas naturale andrà a beneficio del settore produttivo della città di Puerto Suárez (al confine con il Brasile), poiché...

Eni compie una nuova importante scoperta di gas a largo di Cipro

Eni annuncia una importante scoperta di gas con il pozzo Cronos-1, nel Blocco 6, a circa 160 chilometri al largo di Cipro, in una...

ExxonMobil scopre nuove riserve di petrolio

Il quinto progetto nel blocco Stabroek condotto dalla compagnia ExxonMobil, prende di mira i tre grandi giacimenti di Uaru, Mako e Snoek. Il pozzo Snoek-1...

Dopo la notizia del completamento del tratto greco del gasdotto Trans Adriatic Pipeline (TAP), l’omonima società, cui compete lo sviluppo del progetto nonché la realizzazione della nuova infrastruttura energetica, ha annunciato ufficialmente l’immissione del ‘first gas’ all’interno della condotta.

Il 25 novembre – ha spiegato TAP AG in una nota – “è stato introdotto il primo quantitativo di gas naturale in un tratto della pipeline lungo 2 Km, che corre in territorio greco e collega Evros e la stazione di compressione di Kipoi”.

Al momento, come ha riferito la società, si tratta solo di una fase di test, ma l’operazione è particolarmente rilevante poiché costituisce l’avvio dell’intero processo di collaudo dell’opera, che durerà diversi mesi e che ha come scopo quello di “verificare e garantire che l’infrastruttura sia completamente sicura e pronta per operare una volta completata in ogni sua parte, in linea con gli standard di sicurezza internazionali”.

Il ‘first gas’ nel tratto greco del TAP segna quindi “un ulteriore passo avanti verso la consegna del gas estratto dal giacimento azero Shah Deniz II in Europa”. Dopo l’immissione in questo primo tratto, il gas verrà fatto fluire in altre porzioni della condotta, prima in Grecia, poi in Albania e infine in Italia, dove termina il percorso della Trans Adriatic Pipeline, le cui attività commerciali dovrebbero partire a ottobre 2020.

 

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni si candida in UK per una licenza di stoccaggio di CO2 nel giacimento di Hewett

Eni UK annuncia di aver sottoposto alla North Sea Transition Authority (NSTA) la candidatura per una licenza di stoccaggio di anidride carbonica nel giacimento...

YPFB investirà nel sistema di distribuzione del gas naturale di Puerto Suárez

Il sistema di distribuzione del gas naturale andrà a beneficio del settore produttivo della città di Puerto Suárez (al confine con il Brasile), poiché...

Eni compie una nuova importante scoperta di gas a largo di Cipro

Eni annuncia una importante scoperta di gas con il pozzo Cronos-1, nel Blocco 6, a circa 160 chilometri al largo di Cipro, in una...

ExxonMobil scopre nuove riserve di petrolio

Il quinto progetto nel blocco Stabroek condotto dalla compagnia ExxonMobil, prende di mira i tre grandi giacimenti di Uaru, Mako e Snoek. Il pozzo Snoek-1...

Petrobras conclude la vendita dei giacimenti di Ceará

La compagnia petrolifera statale Petrobras, ha affermato in un comunicato di aver concluso la vendita di tutte le sue partecipazioni nei giacimenti onshore di...