giovedì, Maggio 13, 2021

BAKER HUGHES RIDUCE GLI INVESTIMENTI E PENSA DI FERMARE GLI STABILIMENTI ITALIANI

Must read

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

Baker Hughes, azienda di servizi all’industria oil&gas, ha annunciato che ridurrà del 30% le spese di capitale previste nel corso del 2020, a causa dell’impatto del coronavirus e delle dinamiche del mercato del petrolio, e che probabilmente dovrà fermare alcuni stabilimenti produttivi in Italia.

Originariamente l’azienda, che produce sopratutto turbine per giacimenti petroliferi e impianti di produzione di GNL, aveva stimato un capex pari a quello del 2019, ovvero 1,24 miliardi di dollari, ma ora questa cifra verrà ridotta del 30%.

Il presidente dell’azienda Jud Bailey ha detto che sono state fatte delle richieste al Governo italiano riguardo la possibilità di tenere aperti o meno gli stabilimenti italiani, ma per il momento non ha ricevuto risposta.

I prodotti realizzati negli impianti italiani sono long-cycle, e consentirebbero a Baker Hughes di recuperare il tempo perso durante lo spegnimento.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

Perù: riprende la produzione di petrolio nella zona settentrionale

Il Blocco 67, situato nella località di Loreto, ha ripreso le sue attività dopo un anno di paralisi a causa dei bassi prezzi del...