martedì, Marzo 9, 2021

BP, CHEVRON: AUMENTANO GLI INVESTIMENTI NELL’OFFSHORE

Must read

Eni pensa ad uno spin-off dei business retail e rinnovabili, con possibile quotazione in Borsa il prossimo anno

Eni sta valutando la possibilità di scorporare i business della vendita di energia sul mercato retail e della produzione di rinnovabili, e di quotare...

Snam punta sulla ‘pipeline virtuale’ per metanizzare la Sardegna: bando per la fornitura di navi gasiere

Tramontata l’ipotesi della cosiddetta ‘dorsale sarda’ – il gasdotto che avrebbe dovuto percorrere da nord a sud tutta l’isola trasportando il gas naturale –...

L’OPEC+ orientato a non aumentare (ancora) l’output petrolifero, e il prezzo del barile sale

Il prezzo del barile di petrolio è salito oggi (Brent +1,5% e WTI + 1,7%), sospinto dalla notizia che nel corso del prossimo meeting,...

Baker Hughes e Akastor fondono i rispettivi business a servizio dell’industria offshore

I due gruppi Baker Hughes e Akastor hanno annunciato di aver raggiunto un accordo per integrare i rispettivi business nel settore delle perforazioni offshore. In...

total

Mentre la perforazione petrolifera terrestre, negli Stati Uniti, mostra segni di cedimento insieme alla caduta dei prezzi del greggio, la più rischiosa e costosa unità di perforazione delle profondità marine del golfo del Messico, non mostra rallentamenti.

Le piattaforme petrolifere che operano nel Golfo del Messico aumenteranno del 30% quest’anno, rispetto al 2014, secondo i dati diffusi da Wood Mackenzie, società di consulenza del settore energy.

Contemporaneamente, il numero di impianti di perforazione a terra è diminuita di un terzo dal mese di ottobre, sotto il peso di pesanti tagli che hanno lasciato a piedi decine di migliaia di lavoratori negli Stati Uniti.

I motivi sono diversi. L’aumento di perforazione in acque profonde deriva da anni di pianificazione e di miliardi di dollari già investiti e i ricavi possono essere considerevoli.

La piattaforma Lucius di Anadarko Petroleum, è in grado di gestire fino a 80.000 barili al giorno da sei pozzi, l’equivalente di un centinaio di pozzi trivellati sulla crosta terrestre”, ha detto John Christiansen, portavoce della società. “La vita economica di questi progetti è nei decenni a venire”, ha detto Fadel Gheit, analista di Oppenheimer & Co. a New York. “Si sta andando verso lo sfruttamento di questi pozzi per almeno 30 anni, quindi non importa quale sia il prezzo del petrolio oggi”.

I produttori di petrolio di grandi dimensioni, tra cui Anadarko, BP, Chevron Corp. e Royal Dutch Shell, stanno continuando ad investire in mare aperto, anche in presenza drastiche riduzione dei profitti che hanno portato le compagnie a tagliare la spesa.

Per contro, nei giacimenti petroliferi del Texas, Colorado e North Dakota, i produttori stanno frenando le trivellazioni per l’eccesso di offerta di greggio e per il forte calo dei prezzi da giugno dell’anno scorso.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni pensa ad uno spin-off dei business retail e rinnovabili, con possibile quotazione in Borsa il prossimo anno

Eni sta valutando la possibilità di scorporare i business della vendita di energia sul mercato retail e della produzione di rinnovabili, e di quotare...

Snam punta sulla ‘pipeline virtuale’ per metanizzare la Sardegna: bando per la fornitura di navi gasiere

Tramontata l’ipotesi della cosiddetta ‘dorsale sarda’ – il gasdotto che avrebbe dovuto percorrere da nord a sud tutta l’isola trasportando il gas naturale –...

L’OPEC+ orientato a non aumentare (ancora) l’output petrolifero, e il prezzo del barile sale

Il prezzo del barile di petrolio è salito oggi (Brent +1,5% e WTI + 1,7%), sospinto dalla notizia che nel corso del prossimo meeting,...

Baker Hughes e Akastor fondono i rispettivi business a servizio dell’industria offshore

I due gruppi Baker Hughes e Akastor hanno annunciato di aver raggiunto un accordo per integrare i rispettivi business nel settore delle perforazioni offshore. In...

Dal 2022 Total potrà rifornire di GNL le navi nel porto di Singapore

La Port Authority di Singapore ha annunciato di aver concesso al gruppo Total una nuova autorizzazione per svolgere le operazioni di bunkeraggio di GNL...