sabato, Luglio 31, 2021

ENI DECLASSATA DA STANDARD & POOR

Must read

TechnipFMC acquisisce TIOS AS

TechnipFMC ha recentemente comunicato di voler acquisire il restante 49% delle azioni di TIOS AS, la joint venture costituita nel 2018 in collaborazione con...

Saipem – conti in ribasso nel primo semestre 2021 e un piano strategico per guardare al futuro

I risultati del primo semestre 2021. Dopo aver chiuso il primo semestre 2021 con un risultato netto negativo di 779 milioni, attraverso le parole dell’AD...

Iveco fornirà a GLS 120 dei suoi nuovi camion S-WAY alimentati a gas naturale liquefatto

I nuovi camion della gamma S-WAY. Iveco ha recentemente presentato S-WAY, la nuova gamma di veicoli per il trasporto pesante on-road, in grado di offrire...

Eni collabora con BASF per sviluppare bio-propanolo avanzato dagli scarti industriali

Una nuova tecnologia per la filiera dei biocombustibili. La strategia di Eni di sostenere lo sviluppo della filiera dei biocombustibili di “generazione avanzata” continua e...

eni_generica

I prezzi di petrolio e gas che resteranno bassi “per un paio d’anni”, le tensioni geopolitiche nei Paesi “ad alto rischio” in cui opera il gruppo, la debolezza dell’economia italiana che frena raffinazione e gas. Questi, in sintesi, i motivi che hanno spinto Standard & Poor’s a tagliare la sua valutazione (rating) sul merito di credito dell’Eni, che passa da A ad A-, mentre le prospettive (outlook), che fino a oggi erano negative, sono state promosse a stabili. “Il prezzo basso di petrolio e gas persisterà nei prossimi due anni e produrrà profitti più contenuti e un cash flow a valle di investimenti e dividendi negativo, malgrado le azioni del management per frenare la cedola e ridurre costi e investimenti”, si legge nella nota dell’agenzia di rating, che quindi appare particolarmente preoccupata per il flusso di cassa per così dire netto e non per quello operativo che l’ad Claudio Descalzi ha più volte messo in evidenza come un dato record. A giudizio di S&P, pertanto, “è improbabile” che il cash che il gruppo petrolifero potrà destinare al pagamento del debito superi il 60% nel biennio 2015-2016, “anche considerando le dismissioni annunciate”, che per il periodo 2015-2018 ammonteranno a 8 miliardi. Allo stesso tempo, l’agenzia ha deciso di promuovere l’outlook a stabile perché dal 2016 questo valore sarà tra il 50 e il 60%, per il rinnovato impegno sul fronte delle cessioni e per una percezione di “dividendi più sostenibili”.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

TechnipFMC acquisisce TIOS AS

TechnipFMC ha recentemente comunicato di voler acquisire il restante 49% delle azioni di TIOS AS, la joint venture costituita nel 2018 in collaborazione con...

Saipem – conti in ribasso nel primo semestre 2021 e un piano strategico per guardare al futuro

I risultati del primo semestre 2021. Dopo aver chiuso il primo semestre 2021 con un risultato netto negativo di 779 milioni, attraverso le parole dell’AD...

Iveco fornirà a GLS 120 dei suoi nuovi camion S-WAY alimentati a gas naturale liquefatto

I nuovi camion della gamma S-WAY. Iveco ha recentemente presentato S-WAY, la nuova gamma di veicoli per il trasporto pesante on-road, in grado di offrire...

Eni collabora con BASF per sviluppare bio-propanolo avanzato dagli scarti industriali

Una nuova tecnologia per la filiera dei biocombustibili. La strategia di Eni di sostenere lo sviluppo della filiera dei biocombustibili di “generazione avanzata” continua e...

TotalEnergies annuncia una nuova scoperta di petrolio nel Blocco 58 al largo delle coste del Suriname

A distanza di un anno dalle scoperte di Maka Central e Sapakara West-1, TotalEnergies e Apache Energy, sussidiaria di APA Corporation, hanno annunciato una...