martedì, Agosto 16, 2022

ENI DECLASSATA DA STANDARD & POOR

Must read

Saipem e Saudi Aramco formano una nuova Joint Venture per progetti EPC onshore in Arabia Saudita

Saipem e la società di costruzioni saudita Nasser S. Al Hajri Corporation (“NSH”) hanno firmato con Saudi Aramco, nell'ambito dell’iniziativa Namaat Industrial Investment Programs,...

Snam acquisisce l’unità FSRU BW Singapore da BW LNG

Snam ha acquisito da BW LNG la nave da stoccaggio e rigassificazione FSRU “BW Singapore”, in linea con i piani nazionali ed europei di...

Oltre 5.000 visitatori per Pipeline & Gas Expo e Hydrogen Expo

Chiudono i battenti tra la soddisfazione generale la seconda edizione del PIPELINE & GAS EXPO (PGE), la mostra-convegno interamente dedicata ai settori del “Mid-Stream”...

Sonatrach e Sinopec collaborano per la perforazione di nuovi pozzi petroliferi

La compagnia degli idrocarburi di stato algerina, Sonatrach, ha firmato un contratto per lo sviluppo di un giacimento petrolifero nell'estremo sud-est del Paese con...

eni_generica

I prezzi di petrolio e gas che resteranno bassi “per un paio d’anni”, le tensioni geopolitiche nei Paesi “ad alto rischio” in cui opera il gruppo, la debolezza dell’economia italiana che frena raffinazione e gas. Questi, in sintesi, i motivi che hanno spinto Standard & Poor’s a tagliare la sua valutazione (rating) sul merito di credito dell’Eni, che passa da A ad A-, mentre le prospettive (outlook), che fino a oggi erano negative, sono state promosse a stabili. “Il prezzo basso di petrolio e gas persisterà nei prossimi due anni e produrrà profitti più contenuti e un cash flow a valle di investimenti e dividendi negativo, malgrado le azioni del management per frenare la cedola e ridurre costi e investimenti”, si legge nella nota dell’agenzia di rating, che quindi appare particolarmente preoccupata per il flusso di cassa per così dire netto e non per quello operativo che l’ad Claudio Descalzi ha più volte messo in evidenza come un dato record. A giudizio di S&P, pertanto, “è improbabile” che il cash che il gruppo petrolifero potrà destinare al pagamento del debito superi il 60% nel biennio 2015-2016, “anche considerando le dismissioni annunciate”, che per il periodo 2015-2018 ammonteranno a 8 miliardi. Allo stesso tempo, l’agenzia ha deciso di promuovere l’outlook a stabile perché dal 2016 questo valore sarà tra il 50 e il 60%, per il rinnovato impegno sul fronte delle cessioni e per una percezione di “dividendi più sostenibili”.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Saipem e Saudi Aramco formano una nuova Joint Venture per progetti EPC onshore in Arabia Saudita

Saipem e la società di costruzioni saudita Nasser S. Al Hajri Corporation (“NSH”) hanno firmato con Saudi Aramco, nell'ambito dell’iniziativa Namaat Industrial Investment Programs,...

Snam acquisisce l’unità FSRU BW Singapore da BW LNG

Snam ha acquisito da BW LNG la nave da stoccaggio e rigassificazione FSRU “BW Singapore”, in linea con i piani nazionali ed europei di...

Oltre 5.000 visitatori per Pipeline & Gas Expo e Hydrogen Expo

Chiudono i battenti tra la soddisfazione generale la seconda edizione del PIPELINE & GAS EXPO (PGE), la mostra-convegno interamente dedicata ai settori del “Mid-Stream”...

Sonatrach e Sinopec collaborano per la perforazione di nuovi pozzi petroliferi

La compagnia degli idrocarburi di stato algerina, Sonatrach, ha firmato un contratto per lo sviluppo di un giacimento petrolifero nell'estremo sud-est del Paese con...

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...