lunedì, Luglio 4, 2022

Brasile. I nuovi player nel bacino di Campos investiranno 2 miliardi di euro

Must read

Oltre 5.000 visitatori per Pipeline & Gas Expo e Hydrogen Expo

Chiudono i battenti tra la soddisfazione generale la seconda edizione del PIPELINE & GAS EXPO (PGE), la mostra-convegno interamente dedicata ai settori del “Mid-Stream”...

Sonatrach e Sinopec collaborano per la perforazione di nuovi pozzi petroliferi

La compagnia degli idrocarburi di stato algerina, Sonatrach, ha firmato un contratto per lo sviluppo di un giacimento petrolifero nell'estremo sud-est del Paese con...

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

I disinvestimenti di Petrobras aprono la strada ad altre società per lavorare nella ripresa del Bacino di Campos, per creare nuovi posti di lavoro e aumentare royalties per i comuni di quella regione.

Le ultime trattative portate avanti da Petrobras hanno confermato la vendita di 17 giacimenti petroliferi a cinque società.

Secondo un’indagine effettuata dalla Federazione delle industrie di Rio de Janeiro,

quattro società multinazionali hanno presentato piani di sviluppo che ammontano a circa 2 miliardi di euro.

L’ingresso di nuove società interessate nel recupero di giacimenti maturi porta benefici a tutti coloro che sono coinvolti nel mercato del petrolio e del gas. Questa manovra ha l’obiettivo di accelerare gli investimenti per recuperare il Bacino di Campos. E questo si traduce in royalties e più posti di lavoro in tutte le attività direttamente o indirettamente legate a questo mercato”, spiega Thiago Valejo, coordinatore di Oil, Gas and Naval Content di Firjan.

La multinazionale Tridenty Energy, ha acquistato 10 giacimenti petroliferi, con una previsione di investimenti di 800 milioni di euro, mentre la multinazionale franco-britannica Perenco ha rilevato tre giacimenti, dove prevede investimenti per 170 milioni di euro. La società intende installare una nuova piattaforma galleggiante di stoccaggio e trasbordo, che dovrebbe essere installata nella seconda metà del prossimo anno.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Oltre 5.000 visitatori per Pipeline & Gas Expo e Hydrogen Expo

Chiudono i battenti tra la soddisfazione generale la seconda edizione del PIPELINE & GAS EXPO (PGE), la mostra-convegno interamente dedicata ai settori del “Mid-Stream”...

Sonatrach e Sinopec collaborano per la perforazione di nuovi pozzi petroliferi

La compagnia degli idrocarburi di stato algerina, Sonatrach, ha firmato un contratto per lo sviluppo di un giacimento petrolifero nell'estremo sud-est del Paese con...

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...