martedì, Dicembre 6, 2022

Brasile. I nuovi player nel bacino di Campos investiranno 2 miliardi di euro

Must read

Snam acquista 5 i nuovi impianti di biogas agricolo in Veneto e Friuli Venezia-Giulia

IES Biogas, controllata di Snam4Environment, società del gruppo Snam attiva nel settore del biometano e dell'economia circolare, ha acquistato cinque impianti di biogas agricolo...

Eni si candida in UK per una licenza di stoccaggio di CO2 nel giacimento di Hewett

Eni UK annuncia di aver sottoposto alla North Sea Transition Authority (NSTA) la candidatura per una licenza di stoccaggio di anidride carbonica nel giacimento...

YPFB investirà nel sistema di distribuzione del gas naturale di Puerto Suárez

Il sistema di distribuzione del gas naturale andrà a beneficio del settore produttivo della città di Puerto Suárez (al confine con il Brasile), poiché...

Eni compie una nuova importante scoperta di gas a largo di Cipro

Eni annuncia una importante scoperta di gas con il pozzo Cronos-1, nel Blocco 6, a circa 160 chilometri al largo di Cipro, in una...

I disinvestimenti di Petrobras aprono la strada ad altre società per lavorare nella ripresa del Bacino di Campos, per creare nuovi posti di lavoro e aumentare royalties per i comuni di quella regione.

Le ultime trattative portate avanti da Petrobras hanno confermato la vendita di 17 giacimenti petroliferi a cinque società.

Secondo un’indagine effettuata dalla Federazione delle industrie di Rio de Janeiro,

quattro società multinazionali hanno presentato piani di sviluppo che ammontano a circa 2 miliardi di euro.

L’ingresso di nuove società interessate nel recupero di giacimenti maturi porta benefici a tutti coloro che sono coinvolti nel mercato del petrolio e del gas. Questa manovra ha l’obiettivo di accelerare gli investimenti per recuperare il Bacino di Campos. E questo si traduce in royalties e più posti di lavoro in tutte le attività direttamente o indirettamente legate a questo mercato”, spiega Thiago Valejo, coordinatore di Oil, Gas and Naval Content di Firjan.

La multinazionale Tridenty Energy, ha acquistato 10 giacimenti petroliferi, con una previsione di investimenti di 800 milioni di euro, mentre la multinazionale franco-britannica Perenco ha rilevato tre giacimenti, dove prevede investimenti per 170 milioni di euro. La società intende installare una nuova piattaforma galleggiante di stoccaggio e trasbordo, che dovrebbe essere installata nella seconda metà del prossimo anno.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Snam acquista 5 i nuovi impianti di biogas agricolo in Veneto e Friuli Venezia-Giulia

IES Biogas, controllata di Snam4Environment, società del gruppo Snam attiva nel settore del biometano e dell'economia circolare, ha acquistato cinque impianti di biogas agricolo...

Eni si candida in UK per una licenza di stoccaggio di CO2 nel giacimento di Hewett

Eni UK annuncia di aver sottoposto alla North Sea Transition Authority (NSTA) la candidatura per una licenza di stoccaggio di anidride carbonica nel giacimento...

YPFB investirà nel sistema di distribuzione del gas naturale di Puerto Suárez

Il sistema di distribuzione del gas naturale andrà a beneficio del settore produttivo della città di Puerto Suárez (al confine con il Brasile), poiché...

Eni compie una nuova importante scoperta di gas a largo di Cipro

Eni annuncia una importante scoperta di gas con il pozzo Cronos-1, nel Blocco 6, a circa 160 chilometri al largo di Cipro, in una...

ExxonMobil scopre nuove riserve di petrolio

Il quinto progetto nel blocco Stabroek condotto dalla compagnia ExxonMobil, prende di mira i tre grandi giacimenti di Uaru, Mako e Snoek. Il pozzo Snoek-1...