venerdì, Aprile 23, 2021

CABOT ENERGY OTTIENE LA ‘VIA’ PER IL POZZO VESTA, NELL’OFFSHORE DELLA SICILIA

Must read

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

Il Ministero dell’Ambiente ha dato il suo parere positivo (con prescrizioni) nell’ambito della Valutazione di Impatto Ambientale per lo scavo del pozzo esplorativo Vesta, nell’offshore della Sicilia.

La richiesta era stata avanzata, nel 2012, dalla società britannica Northern Petroleum, che lo scorso anno è stata acquisita e quindi incorporata dalla connazionale Cabot Energy, che ha ufficialmente comunicato l’ottenimento della VIA il 25 aprile scorso (anche se il decreto del Ministero dell’Ambiente è datato 13 aprile).

Con quest’ultimo passaggio l’iter autorizzativo per la prima fase di sviluppo del giacimento è completato. A questo punto, come spiega la stessa Cabot in una nota, verrà avviato un procedimento per individuare un partner con cui sviluppare le attività di drilling del pozzo esplorativo.

“L’approvazione della VIA per il progetto Vesta – ha commentato Keith Bush, CEO di Kabot Energy – è un’ulteriore dimostrazione della nostra capacità di lavorare insieme alle autorità italiane allo sviluppo dei nostri asseti nel Paese. La società è fortemente impegnata nell’espandere e consolidare la propria presenza in Italia, e per farlo continuerà a collaborare con le autorità locali per sfruttare le opportunità già individuate nell’ambito del proprio portfolio”.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...