venerdì, Maggio 20, 2022

CAO (SAIPEM) PARLA ALL’OMC2019: EAST MED AVRA’ RUOLO STRATEGICO, NOI PUNTIAMO MOLTO ANCHE SUL GNL

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

“L’area del Mediterraneo orientale tra le coste della Grecia, Cipro, Libano, Israele ed Egitto ha un ruolo strategico a seguito delle significative scoperte di gas degli ultimi anni. Il gas proveniente dai nuovi giacimenti sarà destinato sia al mercato interno che all’esportazione nei paesi limitrofi e europei, determinando un significativo aumento nella creazione di nuove infrastrutture di trasporto del gas” lo ha dichiarato il CEO di Saipem Stefano Cao, nel corso di un’intervista rilasciata a Omc Show Daily il bollettino quotidiano dell’evento OMC (Offshore Mediterranean Conference) 2019.

“Il Mediterraneo orientale rappresenta un’area di potenziali nuove opportunità per tutte le nostre divisioni che saranno in grado di supportare i clienti dalla fase preliminare e di fattibilità. Saipem sarà inoltre coinvolta in progetti di trasporto del gas, tra cui, di particolare interesse, c’è il progetto East Med sfidante sia in termini di lunghezza (oltre 1900 km) che di profondità (oltre 3000 metri), che prevede il trasporto di gas dai campi del Mediterraneo orientale a Cipro, Creta, Grecia continentale e Italia per connettersi alla rete di distribuzione europea attraverso il gasdotto Poseidon. Saipem è, inoltre, interessata a progetti di trasporto alternativi che riguardano il processo di liquefazione e rigassificazione del gas e lo sviluppo di nuovi giacimenti di gas offshore scoperti di recente”.

Cao ha quindi aggiunto: “La transizione in corso porterà a un nuovo mix energetico, in cui il gas e le fonti rinnovabili avranno un ruolo sempre più importante e saranno necessarie nuove soluzioni per rendere la produzione di combustibili fossili sempre più sostenibile. Saipem si sta concentrando sul gas naturale liquefatto (GNL), mentre in termini di diversificazione, anche per compensare il rallentamento dei contratti petroliferi, intendiamo rafforzare le nostre competenze in settori quali il decommissioning, le energie rinnovabili e le infrastrutture. I principali campi di studio e sviluppo sono l’energia rinnovabile e lo stoccaggio di energia, l’uso sostenibile dei combustibili fossili tradizionali (comprese le nuove configurazioni ibride), lo sfruttamento del gas naturale e la gestione dell’intera catena di produzione di CO2. Intendiamo aumentare la nostra presenza nei mercati a bassa emissione di CO2, come l’eolico offshore, la conversione di biomassa, il solare a concentrazione e la geotermica, e stiamo perseguendo soluzioni innovative in settori emergenti come l’eolico d’alta quota (sia onshore che offshore) e le emergenti energie marine, per esempio da onde e correnti. Nei prossimi 10 anni, l’energia pulita insieme al gas rappresenteranno il 50/60% del nostro portafoglio. Gli investimenti nello sviluppo di nuove tecnologie, insieme alla nostra flotta, ci consentono di continuare a offrire ai clienti una gamma diversificata di soluzioni attraverso le nostre divisioni in linea con la strategia di un modello di “Global Solution Provider”, al fine di supportare i nostri clienti nella transizione energetica e per l’intero ciclo di vita di un impianto, dalla fase di sviluppo alla fase di gestione e dismissione”.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...