venerdì, Aprile 23, 2021

Ceraweek: Exxon, calo petrolio non fermera’ rivoluzione shale

Must read

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...

Houston, 21 apr.
img1024-700_dettaglio2_Exxon-Mobil
Il calo dei prezzi del petrolio non fermera’ la rivoluzione americana dello shale. Parola di Rex Tillerson, amministratore delegato della Exxon Mobil, sul palco della Cera Week, la mega conferenza sull’energia in corso a Houston. Secono Tillerson, la significativa contrazione del numero dei pozzi registrata negli Usa negli ultimi mesi non comportera’ nel lungo periodo una frenata dello shale perche’ continua ad aumentare la produttivita’ dei nuovi pozzi. “Anche durante la crisi del 2008 le societa’ avevano tagliato il numero dei pozzi – ha osservato – ma 6 anni dopo la produzione di shela gas e’ piu’ alta che mai mentre i prezzi sono piu’ bassi che mai. Chiaramente il declio dei pozzi non ha comportato un crollo della produzione”. Nell’ultimo anno i pozzi petroliferi americani sono stati dimezzati a quota 734, secondo l’ultimo aggiornamento di Baker Hughes, sull’onda del crollo delle quotazioni del greggio. Per il Ceo della Exxon, la discesa dei prezzi consentira’ al mercato di determinare quale sia il reale costo del barile di “shale oil”. “Impareremo a capire come si ‘comportano’ le risorse quando gli investimenti sono ridotti”, ha affermato. – Molti produttori shale hanno tagliato le spesa in un range compreso tra il 25 e il 70% negli ultimi mesi. Per la super major del petrolio, la produzione shale rappresenta una parte minima rispetto al totale. “Abbiamo ridotto il nostro capitale di spesa di circa il 12% – ha rimarcato Tillerson – e nel corso dell’anno valuteremo se confermare o meno questa cifra”. Per Tillerson l’industria americana dell’enrgia e’ ad un punto di svolta “e sono necessarie politiche che riconoscano la specificita’ di questo momento”, ha sottolineato puntando il dito contro il governo degli Stati Uniti. “La nostra industria continua a soffrire sotto il peso di politiche che esprimono il pensiero degli anni Settanta”, ha attaccato Tillerson reclamando, in primo luogo, l’eliminazione del bando sull’export di greggio a stelle e strisce, l’apertura alle trivellazioni nell’Artico, offshore e costruendo la pipeline Keystone XL per raggiungere l’obiettivo dell’indipendenza energetica entro il 2030. Gli Usa consumano 19 milioni di barili di petrolio al giorno, quasi il doppio della Cina, stando i dati federali. Dal 2008, grazie alla rivoluzione dello shale, la produzione Usa e’ quasi raddoppiata a oltre 9 milioni di barili al giorno ma secondo Tillerson l’incremento sarebbe stato ancora piu’ alto in un contesto regolatorio all’altezza del momento. In futuro “dobbiamo riuscire ad enfatizzare la leadership dell’industria dell’energia – ha concluso – e il nostro costante impegno per un utilizzo sempre piu’ efficiente e sicuro delle risorse”.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...

Petrobras cerca operatori internazionali per assegnare la gestione del terminal di rigassificazione Bahia LNG

Procede il processo avviato dalla corporation petrolifera statale brasiliana Petrobras per affidare la gestione del terminal di rigassificazione offshore Bahia LNG. La procedura, partita nella...