venerdì, Febbraio 3, 2023

Claudio Descalzi (Eni) in Algeria per rafforzare i rapporti tra Sonatrach e Eni

Must read

Messico. Sette giacimenti concentrano più della metà della produzione di liquidi

Secondo i dati della Commissione Nazionale degli Idrocarburi (CNH), dei 247 giacimenti petroliferi attivi nel paese, sette concentrano la metà della produzione dei liquidi. Infatti...

Saipem – Due contratti offshore da 900 milioni di dollari

Saipem si è aggiudicata due contratti offshore per un importo complessivo di circa 900 milioni di dollari. Il primo contratto - in partnership con Aker...

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

Dal Comunicato Stampa – L’Amministratore Delegato di Eni, Claudio Descalzi, ha incontrato ad Algeri il Primo Ministro algerino Aymen Benabderrahmane, il Ministro dell’Energia, Mohamed Arkab, per fare il punto sulle attività della società nel Paese, sui progetti futuri e per discutere dei temi legati all’attuale crisi energetica, rispetto alla quale la storica partnership con Sonatrach è già al lavoro per definire le ulteriori opportunità di approvvigionamento di gas verso l’Italia.

Claudio Descalzi è stato poi ricevuto dall’Amministratore Delegato di Sonatrach, Toufik Hakkar. Durante l’incontro sono stati affrontati i temi dell’approvvigionamento di gas e sono state passate in rassegna le iniziative in corso a breve e medio termine per l’incremento delle forniture attraverso il gasdotto TransMed/Enrico Mattei.

L’incontro è stato l’occasione per confermare la volontà di accelerare lo sviluppo dei nuovi progetti a olio e gas nell’area del contratto “Berkine Sud” entrato in vigore lo scorso 6 Marzo. Il progetto prevede la realizzazione fast track di un nuovo hub di sviluppo di gas ed olio nella regione attraverso una sinergia con gli asset esistenti di MLE-CAFC (Blocco 405b) e vede un impegno condiviso di Eni e Sonatrach, fondato sulla strategia comune di un time to market accelerato e sulla disponibilità e capacità delle società contrattiste del gruppo Sonatrach chiamate a eseguire i lavori. Le attività previste consentiranno un significativo aumento della produzione nazionale già nell’anno in corso, con le prime produzioni attese in luglio, a soli tre mesi dall’entrata in vigore dell’accordo.

Infine, è stato confermato l’impegno congiunto ad accelerare la decarbonizzazione delle attività attraverso la sostituzione del gas con fonti di energia rinnovabile.

Alla fine dell’incontro l’AD di Eni ha ringraziato Sonatrach per il supporto costante e l’amichevole e proficua relazione: “L’incontro di oggi è la testimonianza dell’impegno profuso da Sonatrach e Eni a rafforzare la propria partnership in Algeria, nel rispetto di una strategia condivisa di sviluppo accelerato dei progetti e perseguendo gli obiettivi di decarbonizzazione nell’ambito del nostro impegno nel raggiungere la neutralità carbonica nel lungo termine”.

Eni è presente in Algeria dal 1981 e con una produzione equity di 100 mila barili di olio equivalente al giorno, Eni rappresenta la più importante compagnia internazionale nel paese.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Messico. Sette giacimenti concentrano più della metà della produzione di liquidi

Secondo i dati della Commissione Nazionale degli Idrocarburi (CNH), dei 247 giacimenti petroliferi attivi nel paese, sette concentrano la metà della produzione dei liquidi. Infatti...

Saipem – Due contratti offshore da 900 milioni di dollari

Saipem si è aggiudicata due contratti offshore per un importo complessivo di circa 900 milioni di dollari. Il primo contratto - in partnership con Aker...

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

Snam acquista 5 i nuovi impianti di biogas agricolo in Veneto e Friuli Venezia-Giulia

IES Biogas, controllata di Snam4Environment, società del gruppo Snam attiva nel settore del biometano e dell'economia circolare, ha acquistato cinque impianti di biogas agricolo...