martedì, Maggio 17, 2022

CORONAVIRUS E GUERRA DEI PREZZI TRA PRODUTTORI SPINGONO IL BARILE AI MINIMI STORICI

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Infuria la guerra dei prezzi del greggio tra i Paesi produttori: a fronte di un calo della domanda attesa per l’anno in corso (la Energy Information Administration americana ha tagiato le stime delle cresicta delle domanda per i 2020 di 660.000 barili, riassestando il valore annuo a 0,37 milioni di barili al giorno), conseguente all’epidemia di coronavirus e al suo impatto sulle economie mondiali, e al mancato accordo tra i membri dell’OPEC Plus su un taglio della produzione, il prezzo del greggio è crollato ai minimi storici e i principali esportatori hanno già annunciato l’intenzione dei aumentare considerevolmente il proprio output, che dovrebbe raggiungere un picco ad aprile. Questo, evidentemente, con il principale obbiettivo di mettere pressione ai rivali in vista di una ripresa delle trattative che molti analisti ritengono comunque probabile, a cui i grandi player vogliono presentarsi in posizione di forza.

Il primo di questi annunci è arrivato dall’Arabia Saudita, che ha ufficializzato – tramite la corporation petrolifera statale Saudi Aramco – l’intenzione di portare rapidamente la sua produzione nazionale da 12 a 13 milioni di barili al giorno.

A stretto giro è arrivata la dichiarazione di ADNOC, la compagnia degli Emirati Arabi Uniti, che si è detta intenzionata a portare la sua produzione oltre i 4 milioni di barili al giorno già entro aprile, e anche ad accelerare i suoi piani per arrivare fino a 5 milioni di barili al giorno, valore che era stato fissato come target per il 2030.

Concomitanza di fattori che, evidentemente, si sta riverberando in modo massiccio sul prezzo al barile, sceso a livelli che non si vedevano da molti anni. Attualmente il Brent è quotato poco più di 36 dollari (36,11 per l’esattezza), rispetto ai circa 60 dollari del 20 febbraio scorso, mentre il WTI viaggia sui 33,5 dollari, mentre era quotato 54 dollari il 20 febbraio scorso.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...