lunedì, Luglio 22, 2024

DA SHELL UK UNA COMMESSA OFFSHORE PER IL CANTIERE ITALIANO ROSETTI MARINO

Must read

L’importanza della sicurezza informatica e della comunicazione ad essa dedicata

È vero, in questo caso non si è trattato di un attacco di sicurezza informatica. Ma il “piccolo” incidente di percorso capitato a Crowdstrike, una delle più...

Chevron accelera lo sviluppo sfruttando le nuove tecnologie

"Le nuove tecnologie possono fare la differenza nel campo dello sviluppo energetico offshore", dichiara Matt Johnson, specialista nello sviluppo dei giacimenti e nell'ottimizzazione del...

Saipem si aggiudica i lavori per il gasdotto GreenStream

La società energetica Saipem si è aggiudicata un contratto per la sorveglianza e i servizi di intervento sottomarino per il gasdotto GreenStream, che collega...

TotalEnergies vende la sua quota in SPDC JV

TotalEnergies EP Nigeria, controllata africana della multinazionale francese, ha annunciato di aver raggiunto un accordo di compravendita con Chappal Energies - azienda energetica con...

Rosetti Marino, cantiere ravennate specializzato nella realizzazione di impianti offshore, ha ottenuto da Shell UK un contratto per realizzare la progettazione FEED (Front-End Engineering Design) di una piattaforma wellhead di tipo Jackdaw (piattaforma senza equipaggio, costituita dal jacket e da un ponte superiore) che verrà installata nell’offshore del Regno Unito.

Il progetto – si legge in una nota della società italiana – verrà realizzato da Rosetti Marino in cooperazione con la londinese Genesis.

Si tratta di un incarico di rilevanza strategica per Rosetti, che trova in tal modo conferma del valore delle pregresse esperienze fatte con le piattaforme West Franklin e Elgin B di Total UK, destinate ad un ambiente simile.

Lo scopo del lavoro include la preparazione di tutta la documentazione necessaria per assistere Shell nelle valutazioni sia di carattere tecnico che commerciale, propedeutiche alla successiva fase di EPC.

Attualmente, Rosetti Marino sta lavorando sulla piattaforma Tolmount per Premier Oil e sulla Tyra’s LQ per Total, entrambe destinate ad operare nel Mare del Nord e in consegna nel 2020 e 2021.

“Questa commessa di Shell conferma la nostra capacità di essere competitivi nella regione dell’offshore britannico (United Kindom Continental Shelf). Lo studio della progettazione FEED è già partito, e si concluderà entro la fine dell’anno”.

 

Latest article

L’importanza della sicurezza informatica e della comunicazione ad essa dedicata

È vero, in questo caso non si è trattato di un attacco di sicurezza informatica. Ma il “piccolo” incidente di percorso capitato a Crowdstrike, una delle più...

Chevron accelera lo sviluppo sfruttando le nuove tecnologie

"Le nuove tecnologie possono fare la differenza nel campo dello sviluppo energetico offshore", dichiara Matt Johnson, specialista nello sviluppo dei giacimenti e nell'ottimizzazione del...

Saipem si aggiudica i lavori per il gasdotto GreenStream

La società energetica Saipem si è aggiudicata un contratto per la sorveglianza e i servizi di intervento sottomarino per il gasdotto GreenStream, che collega...

TotalEnergies vende la sua quota in SPDC JV

TotalEnergies EP Nigeria, controllata africana della multinazionale francese, ha annunciato di aver raggiunto un accordo di compravendita con Chappal Energies - azienda energetica con...

Scoperto un giacimento di petrolio immenso in Kuwait

La compagnia petrolifera Kuwait Oil Company, dell'omonimo paese emirato, ha annunciato la scoperta di un giacimento incredibilmente vasto nell'offshore al largo dell'Isola Failaka. Stando...