martedì, Dicembre 6, 2022

DA SHELL UK UNA COMMESSA OFFSHORE PER IL CANTIERE ITALIANO ROSETTI MARINO

Must read

Snam acquista 5 i nuovi impianti di biogas agricolo in Veneto e Friuli Venezia-Giulia

IES Biogas, controllata di Snam4Environment, società del gruppo Snam attiva nel settore del biometano e dell'economia circolare, ha acquistato cinque impianti di biogas agricolo...

Eni si candida in UK per una licenza di stoccaggio di CO2 nel giacimento di Hewett

Eni UK annuncia di aver sottoposto alla North Sea Transition Authority (NSTA) la candidatura per una licenza di stoccaggio di anidride carbonica nel giacimento...

YPFB investirà nel sistema di distribuzione del gas naturale di Puerto Suárez

Il sistema di distribuzione del gas naturale andrà a beneficio del settore produttivo della città di Puerto Suárez (al confine con il Brasile), poiché...

Eni compie una nuova importante scoperta di gas a largo di Cipro

Eni annuncia una importante scoperta di gas con il pozzo Cronos-1, nel Blocco 6, a circa 160 chilometri al largo di Cipro, in una...

Rosetti Marino, cantiere ravennate specializzato nella realizzazione di impianti offshore, ha ottenuto da Shell UK un contratto per realizzare la progettazione FEED (Front-End Engineering Design) di una piattaforma wellhead di tipo Jackdaw (piattaforma senza equipaggio, costituita dal jacket e da un ponte superiore) che verrà installata nell’offshore del Regno Unito.

Il progetto – si legge in una nota della società italiana – verrà realizzato da Rosetti Marino in cooperazione con la londinese Genesis.

Si tratta di un incarico di rilevanza strategica per Rosetti, che trova in tal modo conferma del valore delle pregresse esperienze fatte con le piattaforme West Franklin e Elgin B di Total UK, destinate ad un ambiente simile.

Lo scopo del lavoro include la preparazione di tutta la documentazione necessaria per assistere Shell nelle valutazioni sia di carattere tecnico che commerciale, propedeutiche alla successiva fase di EPC.

Attualmente, Rosetti Marino sta lavorando sulla piattaforma Tolmount per Premier Oil e sulla Tyra’s LQ per Total, entrambe destinate ad operare nel Mare del Nord e in consegna nel 2020 e 2021.

“Questa commessa di Shell conferma la nostra capacità di essere competitivi nella regione dell’offshore britannico (United Kindom Continental Shelf). Lo studio della progettazione FEED è già partito, e si concluderà entro la fine dell’anno”.

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Snam acquista 5 i nuovi impianti di biogas agricolo in Veneto e Friuli Venezia-Giulia

IES Biogas, controllata di Snam4Environment, società del gruppo Snam attiva nel settore del biometano e dell'economia circolare, ha acquistato cinque impianti di biogas agricolo...

Eni si candida in UK per una licenza di stoccaggio di CO2 nel giacimento di Hewett

Eni UK annuncia di aver sottoposto alla North Sea Transition Authority (NSTA) la candidatura per una licenza di stoccaggio di anidride carbonica nel giacimento...

YPFB investirà nel sistema di distribuzione del gas naturale di Puerto Suárez

Il sistema di distribuzione del gas naturale andrà a beneficio del settore produttivo della città di Puerto Suárez (al confine con il Brasile), poiché...

Eni compie una nuova importante scoperta di gas a largo di Cipro

Eni annuncia una importante scoperta di gas con il pozzo Cronos-1, nel Blocco 6, a circa 160 chilometri al largo di Cipro, in una...

ExxonMobil scopre nuove riserve di petrolio

Il quinto progetto nel blocco Stabroek condotto dalla compagnia ExxonMobil, prende di mira i tre grandi giacimenti di Uaru, Mako e Snoek. Il pozzo Snoek-1...