giovedì, Maggio 13, 2021

DESCALZI ALLA CAMERA: ENI PUNTA A TRIPLICARE LE VENDITE ANNUE DI GNL

Must read

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

Nei piani dell’Eni per i prossimi anni il gas giocherà un ruolo fondamentale: la corporation di San Donato Milanese punta infatti a triplicare le vendite di questo combustibile grazie alle nuove recenti scoperte, a partire dal giacimento egiziano Zohr, che dovrebbe entrare in produzione già entro la fine del 2017.

A illustrare le strategie del ‘cane a sei zampe’ è stato l’Amministratore delegato Claudio Descalzi, che in audizione presso la Commissione Attività produttive della Camera ha aggiornato il Parlamento sul Piano strategico 2017-2020.

L’Eni, che mantiene previsioni prudenti sul prezzo del barile di greggio – 55 dollari nel 2017 e 70 dollari nel 2019 – a causa della speculazione finanziaria su questa commodity, scommette sempre di più sul gas e lavora per accorciare il time-to-market del maxi giacimento Zohr, scoperto due anni fa dal gruppo italiano nell’offshore dell’Egitto: Descalzi ha dichiarato che “Zohr dovrebbe essere confermato ed entrare in produzione entro la fine dell’anno”.

Un risultato importante, che consentirebbe a Eni di sviluppare notevolmente il business della divisione Gas and Power, fino ad oggi penalizzato – ha spiegato l’AD del gruppo – dai contratti di lungo termine indicizzati al prezzo del greggio, ma che ora invece sono legati all’hub di riferimento: “Questo – ha assicurato Descalzi – ci sta dando un vantaggio”. Eni vuole triplicare le vendite di gas a livello globale, soprattutto GNL trasportato via nave, passando dai 3,5 milioni di tonnellate all’anno attuali a 10 milioni di tonnellate annue, di cui il 90% proveniente direttamente da propri giacimenti.

Infine, Descalzi ha assicurato ai membri della Commissione della Camera che l’Eni non intende vendere la divisione Gas & Luce.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

Perù: riprende la produzione di petrolio nella zona settentrionale

Il Blocco 67, situato nella località di Loreto, ha ripreso le sue attività dopo un anno di paralisi a causa dei bassi prezzi del...