domenica, Ottobre 17, 2021

DESCALZI ALLA CAMERA: ENI PUNTA A TRIPLICARE LE VENDITE ANNUE DI GNL

Must read

Brasile. Scarso successo con la nuova gara d’appalto

L'Agenzia Nazionale del Petrolio del Brasile (ANP) è riuscita ad aggiudicare solo 5 delle 92 aree di esplorazione e produzione di idrocarburi. La gara ha...

Perù. La costruzione della nuova raffineria si trova nella fase finale

La società Petroperú ha riferito che la costruzione della nuova raffineria di Talara si trova al 96% Secondo la compagnia la raffineria sarà una delle...

Colombia. La produzione di petrolio è aumentata del 2,2%

Il Ministero dell'Energia della Colombia ha affermato che la produzione di petrolio nel mese di agosto 2021 è stata di 740.000 barili al giorno,...

Le esportazioni di petrolio dal Brasile agli Stati Uniti aumentano del 91,3%

In base secondo all’ultimo rapporto dell'Energy Information Administration (EIA), il governo brasiliano ha esportato una media di 220.000 barili al giorno nel mese di...

Nei piani dell’Eni per i prossimi anni il gas giocherà un ruolo fondamentale: la corporation di San Donato Milanese punta infatti a triplicare le vendite di questo combustibile grazie alle nuove recenti scoperte, a partire dal giacimento egiziano Zohr, che dovrebbe entrare in produzione già entro la fine del 2017.

A illustrare le strategie del ‘cane a sei zampe’ è stato l’Amministratore delegato Claudio Descalzi, che in audizione presso la Commissione Attività produttive della Camera ha aggiornato il Parlamento sul Piano strategico 2017-2020.

L’Eni, che mantiene previsioni prudenti sul prezzo del barile di greggio – 55 dollari nel 2017 e 70 dollari nel 2019 – a causa della speculazione finanziaria su questa commodity, scommette sempre di più sul gas e lavora per accorciare il time-to-market del maxi giacimento Zohr, scoperto due anni fa dal gruppo italiano nell’offshore dell’Egitto: Descalzi ha dichiarato che “Zohr dovrebbe essere confermato ed entrare in produzione entro la fine dell’anno”.

Un risultato importante, che consentirebbe a Eni di sviluppare notevolmente il business della divisione Gas and Power, fino ad oggi penalizzato – ha spiegato l’AD del gruppo – dai contratti di lungo termine indicizzati al prezzo del greggio, ma che ora invece sono legati all’hub di riferimento: “Questo – ha assicurato Descalzi – ci sta dando un vantaggio”. Eni vuole triplicare le vendite di gas a livello globale, soprattutto GNL trasportato via nave, passando dai 3,5 milioni di tonnellate all’anno attuali a 10 milioni di tonnellate annue, di cui il 90% proveniente direttamente da propri giacimenti.

Infine, Descalzi ha assicurato ai membri della Commissione della Camera che l’Eni non intende vendere la divisione Gas & Luce.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Brasile. Scarso successo con la nuova gara d’appalto

L'Agenzia Nazionale del Petrolio del Brasile (ANP) è riuscita ad aggiudicare solo 5 delle 92 aree di esplorazione e produzione di idrocarburi. La gara ha...

Perù. La costruzione della nuova raffineria si trova nella fase finale

La società Petroperú ha riferito che la costruzione della nuova raffineria di Talara si trova al 96% Secondo la compagnia la raffineria sarà una delle...

Colombia. La produzione di petrolio è aumentata del 2,2%

Il Ministero dell'Energia della Colombia ha affermato che la produzione di petrolio nel mese di agosto 2021 è stata di 740.000 barili al giorno,...

Le esportazioni di petrolio dal Brasile agli Stati Uniti aumentano del 91,3%

In base secondo all’ultimo rapporto dell'Energy Information Administration (EIA), il governo brasiliano ha esportato una media di 220.000 barili al giorno nel mese di...

Il ministero dell’energia peruviano ha annunciato gli obiettivi per il 2022

Il Ministro dell'Energia e delle Miniere del Perù, ha annunciato alcuni obiettivi per il prossimo anno, dopo aver presentato al Congresso della Repubblica il...