giovedì, Gennaio 20, 2022

DESCALZI E MARCEGAGLIA CONFERMATI AI VERTICI DELL’ENI

Must read

Nel 2021 le esportazioni di PDVSA sono aumentate del 66%

Secondo i dati di PDVSA Il livello medio delle esportazioni di petrolio dal Venezuela ha raggiunto il livello di 628.900 barili al giorno nel...

Argentina. Vaca Muerta potrebbe esportare 13.000 milioni di euro l’anno

Il presidente dell'Istituto Argentino del Petrolio e del Gas (IAPG), ha pubblicato un’analisi dello scenario del settore degli idrocarburi di fronte alla transizione energetica...

Ecuador aumenta le sue vendite annuali di petrolio del 51%

Secondo le cifre annunciate dal Ministero di Energia, il paese ha aumentato le vendite di petrolio del 51%, passando da 4.150 milioni di euro...

Perù. La raffineria di Talara entrerà in servizio ad aprile

La compagnia Petroperú ha annunciato che la nuova raffineria di Talara entrerà in funzione gradualmente a partire dal mese di aprile. Il complesso contribuirà...

Nel recente giro di nomine governative per i vertici delle partecipate dal Ministero dell’Economia, non ci sono stati scossoni per l’Eni.

La corporation energetica di Stato ha infatti visto la riconferma dei suoi attuali massimi dirigenti: Emma Marcegaglia, ex Presidente di Confindustria e rappresentante della nota famiglia di imprenditori dell’acciaio resta Presidente di Eni, mentre Claudio Descalzi viene confermato Amministratore delegato del gruppo di San Donato Milanese.

I nomi sono stati indicati dal Tesoro, che è azionista di maggioranza relativa dell’Eni detenendone il 25,76% direttamente e il 4,34 tramite Cassa Depositi e Prestiti, nell’ambito della lista dei membri del CdA proposta all’assemblea degli azionisti, che si riunirà per approvarla il prossimo 13 aprile.

Oltre a Marcegaglia e Descalzi, il Governo ha inserito nella lista Andrea Gemma, Diva Moriani, Fabrizio Pagani e Domenico Trombone.

L’esecutivo Gentiloni ha confermato anche Patrizia Grieco e Francesco Starace ai vertici dell’Enel, rispettivamente Presidente e Amministratore delegato, mentre il nuovo nome più in vista è quello di Alessandro Profumo, ex CEO di Unicredit ed ex Presidente del Monte del Paschi di Siena, che andrà a guidare il gruppo Leonardo (il nuovo nome di Finmeccanica) al posto di Mauro Moretti.

Confermata quindi la fiducia a Descalzi, ‘uomo Eni’ fin dall’inizio della sua carriera, che dovrà continuare a guidare il cane a sei zampe in un contesto non certo facile, in cui il prezzo del greggio continua a ristagnare a livelli piuttosto bassi, con valori di inizio settimana che vedono il Wti del Texas perdere l’1,1% a 48,26 dollari al barile mentre il Brent cedere lo 0,8% a 51,35 dollari.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Nel 2021 le esportazioni di PDVSA sono aumentate del 66%

Secondo i dati di PDVSA Il livello medio delle esportazioni di petrolio dal Venezuela ha raggiunto il livello di 628.900 barili al giorno nel...

Argentina. Vaca Muerta potrebbe esportare 13.000 milioni di euro l’anno

Il presidente dell'Istituto Argentino del Petrolio e del Gas (IAPG), ha pubblicato un’analisi dello scenario del settore degli idrocarburi di fronte alla transizione energetica...

Ecuador aumenta le sue vendite annuali di petrolio del 51%

Secondo le cifre annunciate dal Ministero di Energia, il paese ha aumentato le vendite di petrolio del 51%, passando da 4.150 milioni di euro...

Perù. La raffineria di Talara entrerà in servizio ad aprile

La compagnia Petroperú ha annunciato che la nuova raffineria di Talara entrerà in funzione gradualmente a partire dal mese di aprile. Il complesso contribuirà...

Messico. Pemex riceverà le chiavi di Deer Park il 20 gennaio

Petróleos Mexicanos (Pemex) assumerà il controllo della raffineria di Deer Park, situata in Texas il 20 gennaio, questo è quanto emerge dalla chiusura dell'accordo...