venerdì, Agosto 6, 2021

SARANNO RUSSE LE PRIME PETROLIERE AL MONDO ALIMENTATE A GNL

Must read

Ecuador aumenta del 238% le esportazioni di petrolio negli Stati Uniti

In base al nuovo rapporto statistico della compagnia statale Petroamazonas, in maggio l'Ecuador ha esportato negli Stati Uniti una media di 196.000 barili di...

Schlumberger ha aumentato i suoi profitti dell’8%

Il gigante dei servizi petroliferi ha superato le aspettative nel secondo trimestre del 2021 e la tendenza conferma la crescita a breve e medio...

Il 56% delle attività a rischio di Repsol si trovano in Venezuela

La compagnia petrolifera spagnola Repsol ha presentato i suoi risultati finanziari del primo semestre 2021, in cui indica che i loro asset esposti a...

Snam – I gasdotti potranno trasportare in futuro l’idrogeno prodotto dalle rinnovabili

“Domani avremo idrogeno prodotto in Nord Africa, nel Mare del Nord, con risorse solari ed eoliche e quell’idrogeno può viaggiare attraverso il sistema esistente...

Faranno parte della flotta mercantile russa le prime grandi navi petroliere al mondo alimentate a gas naturale liquefatto.

La compagnia armatoriale SCF, la ex Sovcomflot controllata dal Governo di Mosca, ha infatti commissionato al cantiere sudcoreano Hyundai Heavy Industries 4 unità tankers di classe Aframax, con una capacità di 114.000 tonnellate, dedicate al trasporto di petrolio greggio. L’investimento, si parla di oltre 50 milioni di dollari a mezzo, è stato deciso nell’ambito di un nuovo progetto chiamato ‘Green Funnel’, messo a punto da SCF in partnership con la corporation energetica Shell, che fornirà all’armatore russo il GNL con cui saranno alimentate queste navi.

Unità di questa tipologia, che verranno consegnate a partire dalla fine del 2018, hanno un costo di circa 10 milioni di dollari superiore a navi analoghe ma con alimentazione tradizionale, dovuto alla necessità di installare serbatoi dedicati al gas e altri equipaggiamenti di bordo per gestire il combustibile, che per restare allo stato liquido deve essere mantenuto a temperature molto basse. SCF ritiene però di poter ammortizzare il maggior costo iniziale delle navi grazie all’accordo siglato con Shell sulla fornitura del carburante, che consentirà un sensibile risparmio sul lungo periodo.

Grazie all’utilizzo di motori dual fuel del produttore finlandese Wartsila, leader a livello mondiale nella produzione di propulsori navali, le nuove petroliere russe potranno abbattere del 90% le emissioni di ossido di zolfo e fino al 15% quelle di CO2.

Proprio grazie a queste caratteristiche, le nuove unità saranno impiegate per trasportare il petrolio prodotto in Russia e nel Mare del Nord fino ai porti industriali del Nord Europa, dove sono in vigore le normative ECAs (Emission Control Areas), che impongono rigidi limiti alle emissioni navali.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Ecuador aumenta del 238% le esportazioni di petrolio negli Stati Uniti

In base al nuovo rapporto statistico della compagnia statale Petroamazonas, in maggio l'Ecuador ha esportato negli Stati Uniti una media di 196.000 barili di...

Schlumberger ha aumentato i suoi profitti dell’8%

Il gigante dei servizi petroliferi ha superato le aspettative nel secondo trimestre del 2021 e la tendenza conferma la crescita a breve e medio...

Il 56% delle attività a rischio di Repsol si trovano in Venezuela

La compagnia petrolifera spagnola Repsol ha presentato i suoi risultati finanziari del primo semestre 2021, in cui indica che i loro asset esposti a...

Snam – I gasdotti potranno trasportare in futuro l’idrogeno prodotto dalle rinnovabili

“Domani avremo idrogeno prodotto in Nord Africa, nel Mare del Nord, con risorse solari ed eoliche e quell’idrogeno può viaggiare attraverso il sistema esistente...

Iniziano i lavori di produzione presso il pozzo East Cendor, in Malesia

A 140 chilometri dalle coste della Penisola Malese, sono stati avviati da Petrofac Malaysia Ltd. i lavori presso il pozzo East Cendor, che diventa...