venerdì, Aprile 23, 2021

EDISON VUOLE CEDERE LA SUA QUOTA DEL RIGASSIFICATORE DI ROVIGO

Must read

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

Dopo i rumors circolati nelle scorse settimane, ora è arrivata anche la conferma ufficiale: Edison sta trattando per cedere la sua partecipazione nella società che gestisce il rigassificatore offshore di Rovigo.

E’ la stessa azienda italiana, controllata dal gruppo francese Electicité de France (EDF), a spiegare in una nota che “ci sono trattative in corso aventi ad oggetto la possibile dismissione della partecipazione del 7,3% detenuta nella società Terminale LNG Adriatico, che possiede il terminale di rigassificazione LNG di Rovigo, del 100% della società Infrastrutture Trasposto Gas, proprietaria del pipeline gas che collega il terminale con la rete nazionale italiana e dei due immobili in Milano nei quali è situata la sede della società”.

La società Terminale LNG Adriatico, meglio nota come Adriatic LNG, è stata costituita nel 2005 e oltre a Edison gli altri azionisti sono ExxonMobil, che ne controlla la maggioranza con il 70,7%, e Qatar Petroleum, società di stato del paese arabo, con il 22%.

Il rigassificatore di Rovigo ha rigassificato dal 2009, anno di inizio dell’attività, ad oggi, oltre 41 miliardi di metri cubi di gas, immessi nella rete nazionale, e nei mesi scorsi ha celebrato l’arrivo della 500° navi gasiera.

Edison non ha spiegato le ragioni della sua decisione di uscire dalla gestione del terminale, di cui peraltro è il principale cliente disponendo dell’80% della capacità di rigassificazione in forza ad un contratto valido fino al 2020. La società con sede a Milano è inoltre promotore insieme a Petrolifera Italo Rumena (Gruppo PIR) di un progetto per la realizzazione di un nuovo deposito costiero di GNL nel porto di Ravenna, che nei piani dovrebbe sfruttare le possibili sinergie col terminal offshore di Rovigo proprio grazie al fatto che Edison ne è un azionista. Non né chiaro al momento se la decisione della società di cedere il suo 7% in Terminale LNG Adriatico potrà avere ripercussioni anche sul progetto ravennate.

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...