venerdì, Aprile 23, 2021

OIL&GAS: NORTHERN PETROLEUM ACQUISISCE GLI ASSET ITALIANI DI ROCKHOPPER EXPLORATION

Must read

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’azienda britannica Northern Petroleum – quotata sul listino AIM della Borsa di Londra – ha deciso di entrare nel mercato italiano della produzione di petrolio e gas, e per farlo ha acquisito diversi asset dalla connazionale Rockhopper Exploration.

Quest’ultima, attiva da diversi anni nel Belpaese, ha infatti deciso di razionalizzare i propri interessi tricolori, raccolti nella newco Rockhopper Civita, che è stata poi ceduta a Norther per 1,6 milioni di euro che verranno versati al termine dell’operazione, previsto entro la fine del 2017.

Gli asset passati di mano tra le due corporation britanniche sono costituiti dal 100% della concessioni di Algavizza (provincia di Chieti) e Scanzano (in Basilicata), dall’85% della concessione di San Basile (Chieti), il 60% di quella di Monte Verdese (Matera), il 50% di quella di Torrente Celone (Foggia) e dal giacimento di gas Civita, tra le provincie di Chieti e Campobasso.

Quest’ultimo, nello scorso anno solare, ha prodotto 130 barili di olio equivalente al giorno, con ricavi e profitti lordi rispettivamente di 1,1 milioni di euro e 700.000 euro rispettivamente.

Sempre in relazione al giacimento Civita, il CEO di Rockhopper Sam Moody ha spiegato che l’asset, sviluppato dalla società in qualità di operatore e messo in funzione nel 2015, ha generato valore e la sua cessione consente ora a Rockhopper di ridurre la sua esposizione nelle responsabilità di decomissionig, che passeranno in capo a Northern Petroleum. Ora le attività italiane di Rockhopper si concentreranno produzione di gas del giacimento offshore Guendalina, in Adriatico, e sul permesso esplorativo di Serra San Bernardo, in Basilicata, in cui la società britannica è partner dell’Eni.

Per quanto riguarda Northern Petroleum, questa acquisizione – ha commentato il CEO Keith Bush – è il primo passo della società nel mercato italiano della produzione di gas in Italia, ed è complementare alle attività di produzione di petrolio in Canada. L’azienda sta già considerando altre opportunità di sviluppo e di acquisizione in Italia, dove mire a consolidare la propria presenza nei prossimi anni.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...