sabato, Febbraio 4, 2023

ENI PREMIATA PER LA TECNOLOGIA ECOFINING ALLA FIERA IRPC EUROPE DI VIENNA

Must read

Messico. Sette giacimenti concentrano più della metà della produzione di liquidi

Secondo i dati della Commissione Nazionale degli Idrocarburi (CNH), dei 247 giacimenti petroliferi attivi nel paese, sette concentrano la metà della produzione dei liquidi. Infatti...

Saipem – Due contratti offshore da 900 milioni di dollari

Saipem si è aggiudicata due contratti offshore per un importo complessivo di circa 900 milioni di dollari. Il primo contratto - in partnership con Aker...

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

L’innovazione tecnologia messa in capo da Eni nell’ambito dei processi di raffinazione è stata premiata a Vienna, durante la fiera internazionale International Refining and Petrochemical Conference (IRPC) Europe, svoltasi nei giorni scorsi e organizzata dalla testata specializzata Hydrocarbon Processing.

Parallelamente all’evento, sono infatti stati assegnati i riconoscimenti del 2017 Hydrocarbon Processing Awards, con cui sono stati premiati diversi operatori del settore che hanno brillato nelle rispettive categorie.

La corporation italiana è risultata vincitrice nella categoria Best Refining Technology, superando gli altri finalisti che erano Indian Oil Corp. Ltd., GE Water & Process Technologies, KBR, Amec Foster Wheeler. Il premio, ritirato a Vienna da Alberto Delbianco, Downstream R&D Senior Vice President di Eni, è stato assegnato alla tecnologia Ecofining, sistema sviluppato nei laboratori di San Donato Milanese in collaborazione con Honeywell-UOP e sperimentato negli stabilimenti di Porto Marghera, convertiti da raffineria tradizionale in ‘green refinery’, in grado di trasformare materie prime di origine biologica in biocarburanti di alta qualità. L’impianto, che produce green diesel, green nafta, GPL e potenzialmente anche jet fuel, attualmente è alimentato da olio di palma, ma in seguito è previsto l’utilizzo anche di biomasse non in competizione con gli usi alimentari.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Messico. Sette giacimenti concentrano più della metà della produzione di liquidi

Secondo i dati della Commissione Nazionale degli Idrocarburi (CNH), dei 247 giacimenti petroliferi attivi nel paese, sette concentrano la metà della produzione dei liquidi. Infatti...

Saipem – Due contratti offshore da 900 milioni di dollari

Saipem si è aggiudicata due contratti offshore per un importo complessivo di circa 900 milioni di dollari. Il primo contratto - in partnership con Aker...

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

Snam acquista 5 i nuovi impianti di biogas agricolo in Veneto e Friuli Venezia-Giulia

IES Biogas, controllata di Snam4Environment, società del gruppo Snam attiva nel settore del biometano e dell'economia circolare, ha acquistato cinque impianti di biogas agricolo...