venerdì, Aprile 23, 2021

ENI E SAIPEM INSIEME IN MOZAMBICO

Must read

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...

Eni e Saipem, nei rispettivi ruoli, daranno a brevissimo avvio alle attività di sviluppo del giacimento di gas Coral, al largo del Mozambico.

Nei giorni scorsi, infatti, la corporation guidata da Claudio Descalzi ha formalizzato la decisione finale d’investimento su questo importante progetto, che prevede tra le altre cose la realizzazione di un’unità galleggiante di liquefazione ed esportazione del gas (FLNG), con una capacità di circa 3.4 Mtpa. Questo mezzo, che verrà costruito dal cantiere sudcoreano Samsung Heavy Industries, sarà protagonista di diversi primati: sarà infatti la prima FLNG del continente africano, e sarà anche la prima unità della sua tipologia il cui investimento – che in totale dovrebbe aggirarsi attorno ai 2,5 miliardi di dollari – sarà sostenuto per il 60% tramite la formula del project financing con il coinvolgimento di 15 istituti di credito e di 5 agenzie di credito all’export.

E proprio per perforare i pozzi del giacimento Coral, Eni ha affidato un contratto alla sua ormai ex-controllata (ma ancora partecipata) Saipem, che impiegherà a tale scopo la sua drillship Saipem 12000 per 15 mesi, estendibili fino a 45 mesi, a partire della metà del 2019.

Saipem ha poi ottenuto, sempre dall’Eni, altri contratti offshore che riguardano la perforazione di due pozzi al largo di Cipro, che verranno effettuate anch’esse con la Saipem 12000, a partire dal quarto trimestre 2017, mentre a seguire lo stesso mezzo si sposterà ad operare in Portogallo per attività già assegnate nel corso del 2016 e posticipate su richiesta del cliente.

Lo Scarabeo 9, invece, sarà impegnato nella perforazione di un pozzo, più un altro opzionale, nel Mar Nero. Il mezzo, in servizio dal 2011, ha in corso modifiche tecniche di natura innovativa, le cui spese sono incluse nel contratto, che ne consentiranno l’attraversamento del Bosforo.

In totale i nuovi contratti firmati da Eni e Saipem hanno un valore complessivo di 230 milioni di dollari, escluso l’esercizio delle eventuali opzioni previste.

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...

Petrobras cerca operatori internazionali per assegnare la gestione del terminal di rigassificazione Bahia LNG

Procede il processo avviato dalla corporation petrolifera statale brasiliana Petrobras per affidare la gestione del terminal di rigassificazione offshore Bahia LNG. La procedura, partita nella...