giovedì, Luglio 7, 2022

Eni – il pozzo Sayulita-1 effettua una nuova scoperta di petrolio nel Golfo del Messico

Must read

Snam acquisisce l’unità FSRU BW Singapore da BW LNG

Snam ha acquisito da BW LNG la nave da stoccaggio e rigassificazione FSRU “BW Singapore”, in linea con i piani nazionali ed europei di...

Oltre 5.000 visitatori per Pipeline & Gas Expo e Hydrogen Expo

Chiudono i battenti tra la soddisfazione generale la seconda edizione del PIPELINE & GAS EXPO (PGE), la mostra-convegno interamente dedicata ai settori del “Mid-Stream”...

Sonatrach e Sinopec collaborano per la perforazione di nuovi pozzi petroliferi

La compagnia degli idrocarburi di stato algerina, Sonatrach, ha firmato un contratto per lo sviluppo di un giacimento petrolifero nell'estremo sud-est del Paese con...

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...
La campagna esplorativa di Eni in Messico.

Continua il successo di Eni in Messico, paese in cui la compagnia, presente sin dal 2006, detiene interessi in ben otto blocchi di produzione ed esplorazione (sei nel ruolo di Operatore), producendo attualmente più di 20.000 barili di petrolio equivalente al giorno (Boe), con l’obiettivo di raggiungere i 90.000 Boe/d nel 2025.

La scoperta di Sayulita-1 e il futuro del Blocco 10.

Nelle acque medio-profonde del Blocco 10, nel bacino del Sureste, il pozzo esplorativo Sayulita-1 EXP ha incontrato petrolio di buona qualità nelle sequenze del Miocene Superiore, con un Net Pay complessivo di oltre 55 metri; sul pozzo sono stati subito avviati lavori di acquisizione dati che hanno mostrato una capacità produttiva fino a 3.000 barili al giorno.

Sayulita-1 EXP è stato perforato dall’impianto semisommergibile Valaris 8505 in 325 metri d’acqua, raggiungendo una profondità complessiva di circa 1758 metri ssl.

La scoperta, avvenuta a circa 15 chilometri da quella effettuata lo scorso anno dal pozzo Saaksen, è la conferma della potenzialità dell’area e potrebbe costituire la base per un futuro sviluppo commerciale del Blocco 10.

La Joint Venture del Blocco 10 è composta da Eni (Operatore, 65%), Lukoil (20%) e Capricorn, una consociata interamente controllata da Cairn Energy PLC (15%).

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Snam acquisisce l’unità FSRU BW Singapore da BW LNG

Snam ha acquisito da BW LNG la nave da stoccaggio e rigassificazione FSRU “BW Singapore”, in linea con i piani nazionali ed europei di...

Oltre 5.000 visitatori per Pipeline & Gas Expo e Hydrogen Expo

Chiudono i battenti tra la soddisfazione generale la seconda edizione del PIPELINE & GAS EXPO (PGE), la mostra-convegno interamente dedicata ai settori del “Mid-Stream”...

Sonatrach e Sinopec collaborano per la perforazione di nuovi pozzi petroliferi

La compagnia degli idrocarburi di stato algerina, Sonatrach, ha firmato un contratto per lo sviluppo di un giacimento petrolifero nell'estremo sud-est del Paese con...

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...