lunedì, Giugno 17, 2024

Eni – il pozzo Sayulita-1 effettua una nuova scoperta di petrolio nel Golfo del Messico

Must read

Vallourec fornirà i suoi prodotti ad Equinor

Vallourec, azienda francese leader nella soluzione di prodotti tubolari di alto livello per le industrie energetiche e dell'oil&gas ha firmato un accordo della durata...

Snam soddisfatta dell’indipendenza dal gas russo

Stefano Venier, CEO di Snam, ha partecipato venerdì 14 giugno ad un incontro organizzato dal  MIB Trieste School of Management, di cui egli stesso...

La joint venture TJN RUWAIS JV si aggiudica il contratto EPC per il progetto Ruwais LNG da ADNOC

Technip Energies, una società leader nel settore dell'ingegneria e della tecnologia per la transizione energetica, nonché leader di una joint venture con JGC e...

Matador Resources si espande nel Permiano

La società energetica indipendente Matador Resources Company, con sede negli Stati Uniti, ha annunciato l'intenzione di voler acquisire una partecipazione di trivellazione nel giacimento...
La campagna esplorativa di Eni in Messico.

Continua il successo di Eni in Messico, paese in cui la compagnia, presente sin dal 2006, detiene interessi in ben otto blocchi di produzione ed esplorazione (sei nel ruolo di Operatore), producendo attualmente più di 20.000 barili di petrolio equivalente al giorno (Boe), con l’obiettivo di raggiungere i 90.000 Boe/d nel 2025.

La scoperta di Sayulita-1 e il futuro del Blocco 10.

Nelle acque medio-profonde del Blocco 10, nel bacino del Sureste, il pozzo esplorativo Sayulita-1 EXP ha incontrato petrolio di buona qualità nelle sequenze del Miocene Superiore, con un Net Pay complessivo di oltre 55 metri; sul pozzo sono stati subito avviati lavori di acquisizione dati che hanno mostrato una capacità produttiva fino a 3.000 barili al giorno.

Sayulita-1 EXP è stato perforato dall’impianto semisommergibile Valaris 8505 in 325 metri d’acqua, raggiungendo una profondità complessiva di circa 1758 metri ssl.

La scoperta, avvenuta a circa 15 chilometri da quella effettuata lo scorso anno dal pozzo Saaksen, è la conferma della potenzialità dell’area e potrebbe costituire la base per un futuro sviluppo commerciale del Blocco 10.

La Joint Venture del Blocco 10 è composta da Eni (Operatore, 65%), Lukoil (20%) e Capricorn, una consociata interamente controllata da Cairn Energy PLC (15%).

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Vallourec fornirà i suoi prodotti ad Equinor

Vallourec, azienda francese leader nella soluzione di prodotti tubolari di alto livello per le industrie energetiche e dell'oil&gas ha firmato un accordo della durata...

Snam soddisfatta dell’indipendenza dal gas russo

Stefano Venier, CEO di Snam, ha partecipato venerdì 14 giugno ad un incontro organizzato dal  MIB Trieste School of Management, di cui egli stesso...

La joint venture TJN RUWAIS JV si aggiudica il contratto EPC per il progetto Ruwais LNG da ADNOC

Technip Energies, una società leader nel settore dell'ingegneria e della tecnologia per la transizione energetica, nonché leader di una joint venture con JGC e...

Matador Resources si espande nel Permiano

La società energetica indipendente Matador Resources Company, con sede negli Stati Uniti, ha annunciato l'intenzione di voler acquisire una partecipazione di trivellazione nel giacimento...

Uniper taglia i ponti con Gazprom

La compagnia energetica internazionale Uniper, di base a Düsseldorf, ha deciso di risolvere i contratti di fornitura che la legavano alla russa Gazprom, dopo...