lunedì, Luglio 4, 2022

Gazprom – analisti incerti nonostante l’aumento della produzione di gas

Must read

Oltre 5.000 visitatori per Pipeline & Gas Expo e Hydrogen Expo

Chiudono i battenti tra la soddisfazione generale la seconda edizione del PIPELINE & GAS EXPO (PGE), la mostra-convegno interamente dedicata ai settori del “Mid-Stream”...

Sonatrach e Sinopec collaborano per la perforazione di nuovi pozzi petroliferi

La compagnia degli idrocarburi di stato algerina, Sonatrach, ha firmato un contratto per lo sviluppo di un giacimento petrolifero nell'estremo sud-est del Paese con...

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...
I risultati della prima metà dell’anno

In seguito al forte rialzo della domanda di gas naturale in Europa, Gazprom ha recentemente dichiarato di aver aumentato la propria produzione di gas del 18%, pari a 42,4 miliardi di metri cubi (Bcm), arrivando dunque a quota 279 Bcm rispetto al primo semestre dello scorso anno.

Motivo di questo forte incremento produttivo sono le esportazioni verso l’Europa che, con un aumento del 24%, raggiungono le 107,5 Bcm di gas esportato; un risultato, afferma la compagnia, che si avvicina molto al massimo record di esportazioni in Europa nello stesso periodo nel 2018, con quasi 109 Bcm di gas.

Gazprom ha dichiarato che ad oggi, circa 19,2 Bmc di gas è stato impiegato per soddisfare fabbisogno di gas del paese e che vi è, inoltre, un aumento costante della fornitura di gas alla Cina dal giacimento di oil&gas di Chayanda, in Siberia.

Nuovi investimenti per i campi Oil&Gas

Tuttavia, dopo il calo della domanda nella prima metà del 2020 per via della pandemia, si ritiene che la capacità produttiva di alcuni grandi campi di Gazprom nella penisola del Yamal-Nenets, ormai vicini all’esaurimento, abbiano subito una battuta d’arresto.

Secondo gli analisti, la compagnia russa dovrà eseguire nuove perforazioni per raggiungere e sfruttare maggiormente i serbatoi di gas e petrolio nel suo campo principale di Bovanenkovo, anch’esso nella penisola dello Yamal.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Oltre 5.000 visitatori per Pipeline & Gas Expo e Hydrogen Expo

Chiudono i battenti tra la soddisfazione generale la seconda edizione del PIPELINE & GAS EXPO (PGE), la mostra-convegno interamente dedicata ai settori del “Mid-Stream”...

Sonatrach e Sinopec collaborano per la perforazione di nuovi pozzi petroliferi

La compagnia degli idrocarburi di stato algerina, Sonatrach, ha firmato un contratto per lo sviluppo di un giacimento petrolifero nell'estremo sud-est del Paese con...

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...