giovedì, Maggio 13, 2021

ENI: l’AD Descalzi in visita alla raffineria di Livorno

Must read

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

images.duckduckgo.com

Nell’ambito del “Programma Sicurezza Italia” l’Amministratore Delegato di Eni, Claudio Descalzi, ha incontrato il management e i dipendenti della Raffineria di Livorno. Dopo la visita alla Raffineria di Taranto nel maggio scorso, è il sito operativo di Livorno a ospitare la seconda tappa del Safety Road Show, una delle più significative iniziative di Eni per la sensibilizzazione e la formazione in tema di sicurezza.

Nel corso della visita è stato l’Amministratore Delegato di Eni, Claudio Descalzi, a confermare i positivi risultati in termini di sicurezza raggiunti da Eni e dalla Raffineria nel 2014. L’azienda ha ridotto il numero degli infortuni per il decimo anno consecutivo, attestandosi nel 2014 su una frequenza di 0,31 infortuni per milione di ore lavorate, come dimostrato dai numerosi siti industriali che vantano anni senza un solo infortunio.

Complessivamente nel 2014 il miglioramento degli indici infortunistici ha visto una riduzione del 14% rispetto al 2013 e nel primo trimestre 2015 il miglioramento è continuato per un ulteriore 15%. Risultati che collocano Eni al primo posto sotto il profilo della sicurezza rispetto ai principali competitor internazionali.

L’impegno di Eni a livello globale trova riscontro anche nell’andamento positivo degli indicatori infortunistici presso la Raffineria di Livorno, un sito che si è distinto per gli importanti risultati in ambito sicurezza, raggiungendo l’obiettivo “zero infortuni” per circa 400 dipendenti per tre anni consecutivi.

La sicurezza delle persone e delle attività operative rappresenta un obiettivo strategico per Eni, che per sostenerne il valore culturale e operativo, lancia continuamente nuovi programmi di sensibilizzazione e di formazione destinati ai lavoratori, ai contrattisti e a tutte le parti sociali. Fra le iniziative più significative oltre al Safety Road Show, vi sono Eni in Safety, il Safety Day e l’HSE Van Show.

L’HSE Van Show è l’ultima iniziativa Eni in ambito HSE, inaugurata lo scorso 26 Maggio proprio dalla Raffineria di Livorno, che sta percorrendo tutta Italia toccando 42 siti industriali e molte stazioni di servizio per promuovere l’impegno di Eni nella salvaguardia dell’ambiente e nella tutela della sicurezza.

Al termine della visita, l’Amministratore Delegato di Eni, Claudio Descalzi, ha commentato: “Con la visita di oggi oltre a riconoscere ed esprimere l’apprezzamento per i risultati ottenuti nel campo della sicurezza dai colleghi di Livorno, ribadisco la volontà di tutta l’azienda di raggiungere l’obiettivo di zero incidenti e zero infortuni. La sicurezza è un valore fondamentale per la nostra azienda ed è al centro delle nostre strategie, deve coinvolgere tutti, a partire dal management, perché solo attraverso l’impegno di ognuno di noi potremo raggiungere gli obiettivi ambiziosi ma al tempo stesso imprescindibili che ci siamo posti”.

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

Perù: riprende la produzione di petrolio nella zona settentrionale

Il Blocco 67, situato nella località di Loreto, ha ripreso le sue attività dopo un anno di paralisi a causa dei bassi prezzi del...