giovedì, Maggio 13, 2021

ENTRO FINE ANNO ENI, ROSNEFT E SAIPEM AVVIERANNO NUOVE TRIVELLAZIONI NEL MAR NERO

Must read

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

Entro la fine di quest’anno, Eni e Rosneft, con il supporto operativo di Saipem, inizieranno nuove attività di trivellazione offshore nel Mar Nero.

A rendere nota la nuova iniziativa è stato il Presidente e CEO del colosso petrolifero russo Igor Sechin, intervenuto nei giorni scorsi al decimo Eurasian Economic Forum che si è svolto a Verona.

Questa prima iniziativa da avvio concreto ad un accordo di collaborazione firmato tra Eni e Rosneft alcuni anni fa, che prevede lo sviluppo congiunto sia di attività produttive che di nuove tecnologie.

Con Rosneft – ha spiegato alla stampa finanziaria Emma Marcegaglia, Presidente dell’Eni – la corporation di San Donato Milanese ha tre titoli minerari nel Mar Nero, e entro la fine dell’anno in corso inizierà la trivellazione del primo pozzo esplorativo.

La collaborazione tra le due major è sempre più solida e riguarda ormai tutti i settori: allo studio con Rosneft – ha infatti aggiunto Marceglaglia – c’è anche la possibilità di vendere le tecnologie proprietarie di Eni per la lavorazione di residui di olio pesanti nelle loro raffinerie.

Va poi ricordato che la corporation russa nei mesi scorsi ha rilevato il 30% del giacimento egiziano di gas Zohr, uno dei più grandi depositi ad oggi conosciuti scoperto proprio dall’Eni: sempre secondo quanto emerso dall’evento di Verona, Rosneft potrebbe presto esercitare la sua opzione e portarsi così al 35% delle quote del maxi-giacimento controllato in società col gruppo pubblico italiano.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

Perù: riprende la produzione di petrolio nella zona settentrionale

Il Blocco 67, situato nella località di Loreto, ha ripreso le sue attività dopo un anno di paralisi a causa dei bassi prezzi del...