venerdì, Dicembre 3, 2021

L’ENI VENDE LE ULTIME DUE NAVI: NON SARA’ PIU’ ARMATORE, MA SOLO NOLEGGIATORE

Must read

La Guyana è diventato il sesto fornitore di petrolio degli Stati Uniti

Nel report mensile dell'Energy Information Administration (EIA) si conferma che la Guyana è diventato il sesto fornitore di idrocarburi del paese con 176.000 barili...

Ecopetrol e Shell perforeranno assieme nei Caraibi

In un comunicato stampa congiunto Ecopetrol e Shell, hanno fatto sapere che stanno conducendo studi per determinare gli investimenti necessari per perforare il primo...

Messico. Nessuna nuova concessione per lo sfruttamento petrolifero

Durante la sua conferenza stampa mattutina, il presidente del Messico Andrés Manuel López Obrador, ha affermato che fino alla fine della sua amministrazione non...

Messico. Le esportazioni di petrolio verso gli Stati Uniti sono aumentate del 15%

Secondo il report di settembre della Energy Information Administration (EIA), in settembre il Messico ha esportato 814.000 barili di petrolio al giorno negli Stati...

Nel corso del prossimo anno l’Eni dismetterà la sua flotta di proprietà, costituita ad oggi dalle due navi gas carrier LNG Lerici e LNG Portovenere e gestita tramite la società controllata LNG Shipping.

La comunicazione è stata data dal ‘cane a sei zampe’ alle organizzazioni sindacali in occasione di un recente incontro svoltosi a Roma, presso la sede di Confitarma (la Confederazione Nazionale degli Armatori, aderente a Confindustria) ed è stata motivata dall’evoluzione del mercato del gas naturale liquefatto, oggi radicalmente mutato rispetto agli anni passati.

Le due navi LNG Lerici ed LNG Portovenere, costruite nel 1996 e 1997, hanno infatti una capacità di 65.000 metri cubi, il massimo consentito per poter scalare il terminal di rigassificazione di Panigaglia, attività per cui queste due gasiere inizialmente erano state progettate e realizzate, ma una dimensione attualmente troppo modesta per operare con soddisfazione sui nuovi mercati del Far East.

Entrambe le navi sono infatti impiegate in Asia, ma – come ha spiegato la stessa Eni durante l’incontro – ormai gli armatori che vogliono cogliere le opportunità offerte dall’espansione del mercato del GNL in Estremo Oriente devono disporre di flotte di grandi dimensioni, flessibili e dotate di mezzi con capacità decisamente maggiori. Con sole due gas carrier di taglia medio-piccola come LNG Lerici e LNG Portovenere, LNG Shipping non è più in grado di competere nel contesto attuale come armatore (e infatti nel 2015 e nel 2016 la società ha registrato perdite annue attorno ai 30 milioni di euro). Per questo è stato deciso di vendere le due navi entro il 2018, e di dismettere le attività commerciali di LNG Shipping, i cui dipendenti dovrebbero essere avviati al prepensionamento oppure ricollocati in altre società del gruppo Eni.

La corporation di San Donato Milanese continuerà comunque ad operare come noleggiatore di navi gasiere, analogamente a quanto fa con le petroliere, in considerazione delle crescenti necessità di movimentare il gas estratto dai propri giacimenti e commercializzato in tutto il mondo.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

La Guyana è diventato il sesto fornitore di petrolio degli Stati Uniti

Nel report mensile dell'Energy Information Administration (EIA) si conferma che la Guyana è diventato il sesto fornitore di idrocarburi del paese con 176.000 barili...

Ecopetrol e Shell perforeranno assieme nei Caraibi

In un comunicato stampa congiunto Ecopetrol e Shell, hanno fatto sapere che stanno conducendo studi per determinare gli investimenti necessari per perforare il primo...

Messico. Nessuna nuova concessione per lo sfruttamento petrolifero

Durante la sua conferenza stampa mattutina, il presidente del Messico Andrés Manuel López Obrador, ha affermato che fino alla fine della sua amministrazione non...

Messico. Le esportazioni di petrolio verso gli Stati Uniti sono aumentate del 15%

Secondo il report di settembre della Energy Information Administration (EIA), in settembre il Messico ha esportato 814.000 barili di petrolio al giorno negli Stati...

Petrobras aumenterà gli investimenti del 25% fino al 2026

La compagnia petrolifera brasiliana Petrobras ha riferito che per il quinquennio 2022-2026 il Consiglio di Amministrazione della società ha approvato un aumento degli investimenti...