giovedì, Maggio 19, 2022

EXXONMOBIL ASSEGNA A SAIPEM UN CONTRATTO EPIC NELL’OFFSHORE DELLA GUYANA

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Saipem rafforza la sua presenza in America Latina grazie ad un nuovo contratto ottenuto dalla corproation americana ExxonMobil nell’offshore della Guyana.

Il contractor italiano è stato infatti incaricato da Esso Exploration and Production Guyana Limited (EEPGL), controllata di ExxonMobil che già aveva assegnato a Saipem commesse relative allo sviluppo del giacimento Liza nel 2017 e 2018, di realizzare una serie di strutture sottomarine, riser e flowlineper, per il progetto Payara development, situato nel blocco Stabroek al largo della Guyana ad una profondità di circa 2.000 metri.

Il contratto – spiega Saipem in una nota – diventerà esecutivo dopo che il progetto avrà ottenuto il via libera del Governo locale e l’approvazione dell’investimento da parte di EEPGL e dei suoi partner Hess Guyana Exploration Ltd e CNOOC Nexen Petroleum Guyana Ltd: a quel punto l’azienda di San Donato Milanese eseguirà l’ingegneria di dettaglio, l’approvvigionamento, la costruzione e l’installazione (EPCI) di un grande impianto di produzione sottomarino che includerà circa 130 km di flowline, sistemi di iniezione di acqua e gas, riser flessibili e rigidi, terminazioni e jumper associati oltre all’installazione di collettori, ombelicali dinamici e statici e cavi liberi (flying-lead). Le fasi di test e pre-commissioning seguiranno la fase di installazione.

Le operazioni offshore previste dal contratto verranno svolte con due delle navi ammiraglie di Saipem, la crane vessel FDS2 e la posatubi Saipem Constellation (ex Lewek Constellation acquistata da Emas Chyoda Subsea a inizio 2018 per 275 milioni di dollari), combinando in maniera ottimale diversi metodi di posa dei tubi, J-Lay e Reel-lay.

Il CEO di Saipem Stefano Cao ha così commentato il nuovo contratto: “L’incarico rafforza la nostra presenza di in Guyana. La nostra collaborazione fondata su rapporti di lungo termine con i nostri clienti è alla base del modello di business di Saipem. Lavorare con ExxonMobil, in particolare sui progressivi progetti di sviluppo di petrolio e gas in Guyana, rappresenta un’opportunità, ma è anche un impegno a preservare la relazione con i nostri stakeholder attraverso performance sostenibili. La nostra attenzione continua per la sicurezza, l’ambiente, l’innovazione e l’efficienza in termini di costi è fondamentale per consolidare la nostra posizione tra le aziende leader nel subsea”.

Saipem si è inoltre aggiudicata alcuni ulteriori lavori su contratti E&C offshore attualmente in corso in Arabia Saudita, Azerbaigian e nel Mare del Nord, il cui valore complessivo, unitamente al contratto in Guyana, ammonta a circa 880 milioni di dollari.

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...