mercoledì, Agosto 4, 2021

EXXONMOBIL COMPLETA L’ESPLORAZIONE DEL BLOCCO STABROEK IN GUYANA

Must read

Il 56% delle attività a rischio di Repsol si trovano in Venezuela

La compagnia petrolifera spagnola Repsol ha presentato i suoi risultati finanziari del primo semestre 2021, in cui indica che i loro asset esposti a...

Snam – I gasdotti potranno trasportare in futuro l’idrogeno prodotto dalle rinnovabili

“Domani avremo idrogeno prodotto in Nord Africa, nel Mare del Nord, con risorse solari ed eoliche e quell’idrogeno può viaggiare attraverso il sistema esistente...

Iniziano i lavori di produzione presso il pozzo East Cendor, in Malesia

A 140 chilometri dalle coste della Penisola Malese, sono stati avviati da Petrofac Malaysia Ltd. i lavori presso il pozzo East Cendor, che diventa...

Consorzio Libra e Shell Brazil – via libera alla FPSO Mero-4 nel offshore del Brasile

Il Consorzio Libra, gestito dalla brasiliana Petrobras, ha annunciato di aver raggiunto l’accordo con Shell Brasil Petroleo (Shell Brasil) per la fornitura della nave...

La multinazionale Exxon Mobil ha annunciato di aver concluso con successo la fase di esplorazione nel blocco Stabroek, situato nelle acque profonde della Guyana.

Questa importante operazione è stata eseguita attraverso la compagnia americana Ocean Infinity, specializzata in robotica nautica.

Il principale obiettivo è stato quello di acquisire dati geofisici e geotecnici utilizzando una serie di sottomarini a guida autonoma cosiddetti AUV, che per mesi hanno scandagliato i fondali marini a una profondità compresa tra 70 e 2.150 metri su di una superficie di 3.120 chilometri quadrati.

Un particolare molto interessante in questa fase di esplorazione, è stato sicuramente che i dati ricavati con questi mini sommergibili hanno permesso di ridurre in un modo significativo l’impatto sulla fauna acquatica. Un vantaggio molto importante, considerando le norme molto rigide che esistono nel paese sudamericano per la protezione ambientale.

Josh Broussard ha commentato con le seguenti parole la conclusione dei lavori: “Il completamento di questo progetto per ExxonMobil nella Guyana è un ulteriore prova della nostra capacità operativa, per fornire dati con la stessa affidabilità ricavati con metodi tradizionali”.

Secondo le prime stime le riserve di petrolio del giacimento Stabroek sarebbero di 5000 milioni di barili.

Considerando che la Guyana ha una superficie di 214.000 km2 e una popolazione di appena 800.000 abitanti e un PIB di 6100 milioni di dollari, secondo la Banca Mondiale nei prossimi anni, in questo paese ci sarà una crescita economica molto importante.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il 56% delle attività a rischio di Repsol si trovano in Venezuela

La compagnia petrolifera spagnola Repsol ha presentato i suoi risultati finanziari del primo semestre 2021, in cui indica che i loro asset esposti a...

Snam – I gasdotti potranno trasportare in futuro l’idrogeno prodotto dalle rinnovabili

“Domani avremo idrogeno prodotto in Nord Africa, nel Mare del Nord, con risorse solari ed eoliche e quell’idrogeno può viaggiare attraverso il sistema esistente...

Iniziano i lavori di produzione presso il pozzo East Cendor, in Malesia

A 140 chilometri dalle coste della Penisola Malese, sono stati avviati da Petrofac Malaysia Ltd. i lavori presso il pozzo East Cendor, che diventa...

Consorzio Libra e Shell Brazil – via libera alla FPSO Mero-4 nel offshore del Brasile

Il Consorzio Libra, gestito dalla brasiliana Petrobras, ha annunciato di aver raggiunto l’accordo con Shell Brasil Petroleo (Shell Brasil) per la fornitura della nave...

Vard Group consegna la prima nave da crociera per destinazioni polari a GNL

Vard Group, compagnia controllata da Fincantieri e uno dei leader mondiali nella progettazione di navi per il mercato offshore, ha annunciato di aver consegnato...