mercoledì, Marzo 3, 2021

EXXONMOBIL OTTIENE DUE NUOVE LICENZE ESPLORATIVE NELL’OFFSHORE DELL’EGITTO

Must read

Baker Hughes e Akastor fondono i rispettivi business a servizio dell’industria offshore

I due gruppi Baker Hughes e Akastor hanno annunciato di aver raggiunto un accordo per integrare i rispettivi business nel settore delle perforazioni offshore. In...

Dal 2022 Total potrà rifornire di GNL le navi nel porto di Singapore

La Port Authority di Singapore ha annunciato di aver concesso al gruppo Total una nuova autorizzazione per svolgere le operazioni di bunkeraggio di GNL...

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

Al via dal prossimo anno il servizio small scale della FSRU Toscana di OLT Offshore

La FSRU Toscana avvierà le operazioni di small scale GNL a gennaio 2022, mentre già nei prossimi mesi lancerà un sondaggio di mercato e...

Il Governo egiziano ha firmato due nuovi contratti di esplorazione offshore per la ricerca di petrolio e gas con la corporation americana ExxonMobile, che prevedono un investimento minimo per le attività di perforazione dei pozzi di almeno 332 milioni di dollari, secondo quanto ha riferito all’agenzia di stampa Reuters il ministero del petrolio del Paese nordafricano.

Il primo dei due deal riguarda l’esplorazione del blocco North East Amriya, con un investimento minimo stimato di 220 milioni di dollari, mentre il secondo è invece relativo al blocco di North Marakia, per un investimento minimo di 112 milioni di dollari.

L’interesse dimostrato dalle major internazionali riguardo nuove esplorazioni nell’offshore dell’Egitto – ricorda la Reuters – è in costante crescita fin dal 2015, quando l’Eni scoprì il maxi giacimento Zohr.

Il ministero ha anche rivelato che questi accordi con ExxonMobil portano a 82 in totale il numero di contratti firmati con investitori internazionali dal 2014 ad oggi, con investimenti minimi che complessivamente raggiungono i 16 miliardi di dollari per lo scavo di 340 pozzi.

 

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Baker Hughes e Akastor fondono i rispettivi business a servizio dell’industria offshore

I due gruppi Baker Hughes e Akastor hanno annunciato di aver raggiunto un accordo per integrare i rispettivi business nel settore delle perforazioni offshore. In...

Dal 2022 Total potrà rifornire di GNL le navi nel porto di Singapore

La Port Authority di Singapore ha annunciato di aver concesso al gruppo Total una nuova autorizzazione per svolgere le operazioni di bunkeraggio di GNL...

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

Al via dal prossimo anno il servizio small scale della FSRU Toscana di OLT Offshore

La FSRU Toscana avvierà le operazioni di small scale GNL a gennaio 2022, mentre già nei prossimi mesi lancerà un sondaggio di mercato e...

Nuove date per l’OMC 2021, che si svolgerà a Ravenna dal 28 al 30 settembre

La 15esima edizione della fiera OMC (Offshore Mediterranean Conference) di Ravenna non si svolgerà a maggio, come inizialmente previsto, ma dal 28 al 30...