lunedì, Maggio 27, 2024

Festa di Eni per la partenza della FPSO Firenze

Must read

Saipem ottiene un nuovo contratto in Angola

In base ad un accordo firmato con Azule Energy Angola, Saipem ha ottenuto un contratto per lo sviluppo del progetto Ndungu Field, che fa...

Fabio Belli è vicepresidente esecutivo e COO di Kerry Project Logistics

Nuovo incarico di assoluto prestigio per Fabio Belli, dopo la conclusione dell’esperienza in Fagioli come CEO della società. L’approdo di oggi è in Kerry Project Logistics...

Scambio di asset tra Equinor e Petoro

Equinor e Petoro, società interamente controllata dal governo norvegese, hanno stipulato un accordo per lo scambio di asset a valore neutro nell'area di Haltenbanken. “Abbiamo...

Rosetti Marino ottiene un contratto FEED da INEOS E&P

L'azienda ravennate Rosetti Marino, che si occupa di fornire servizi di ingegneria e costruzione a vari settori industriali, si è aggiudicata dalla danese INEOS...

Al momento si trova alla fonda nel porto di Dubai, ma a breve partirà alla volta della Costa d’Avorio: la FPSO Firenze, unità galleggiante di produzione, stoccaggio e scarico del petrolio, darà il via alla produzione petrolifera del giacimento di Baleine che si estende sui blocchi CI-101 e CI-802 di proprietà di Eni al largo della Costa d’Avorio.

Proprio a Dubai la società italiana ha festeggiato la notizia della partenza in partnership con PetroCi, alla presenza, tra gli altri, di Mamadou Sangafowa-Coulibably, ministro delle miniere, del petrolio e dell’energia.

Baleine è la più grande scoperta di idrocarburi nell’off-shore ivoriano e si stima che la FPSO Firenze, che una volta giunta al giacimento ne assumerà il nome, possa produrre 2,5 miliardi di barili di petrolio e 3,3 trilioni di piedi cubi di gas associato. Inoltre si tratterà del primo progetto africano a emissioni zero.

L’avvio della produzione avverrà entro il giugno 2023, a meno di due anni dalla scoperta del giacimento e ad un anno e mezzo dal FID. Ciò dimostra il grande impegno di Eni nei confronti di questo progetto, che è anche un passo avanti significativo verso il raggiungimento dell’obiettivo net-zero emission.

Eni possiede, sempre in partnership con PetroCi Holding, anche i blocchi CI-205, CI-501 e CI801, tutti al largo della Costa d’Avorio.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Saipem ottiene un nuovo contratto in Angola

In base ad un accordo firmato con Azule Energy Angola, Saipem ha ottenuto un contratto per lo sviluppo del progetto Ndungu Field, che fa...

Fabio Belli è vicepresidente esecutivo e COO di Kerry Project Logistics

Nuovo incarico di assoluto prestigio per Fabio Belli, dopo la conclusione dell’esperienza in Fagioli come CEO della società. L’approdo di oggi è in Kerry Project Logistics...

Scambio di asset tra Equinor e Petoro

Equinor e Petoro, società interamente controllata dal governo norvegese, hanno stipulato un accordo per lo scambio di asset a valore neutro nell'area di Haltenbanken. “Abbiamo...

Rosetti Marino ottiene un contratto FEED da INEOS E&P

L'azienda ravennate Rosetti Marino, che si occupa di fornire servizi di ingegneria e costruzione a vari settori industriali, si è aggiudicata dalla danese INEOS...

BP concede una boccata d’aria ai bilanci azeri

BP, colosso petrolifero britannico, ha annunciato di aver avviato la produzione di petrolio e gas nella nuova piattaforma petrolifera costruita nel giacimento Azeri-Chirag-Deepwater Gunashli...