domenica, Settembre 25, 2022

GASDOTTO TAP: 1,6 MILIARDI DI FINANZIAMENTI DALLA BANCA EUROPEA DEGLI INVESTIMENTI

Must read

Eni compie una nuova importante scoperta di gas a largo di Cipro

Eni annuncia una importante scoperta di gas con il pozzo Cronos-1, nel Blocco 6, a circa 160 chilometri al largo di Cipro, in una...

ExxonMobil scopre nuove riserve di petrolio

Il quinto progetto nel blocco Stabroek condotto dalla compagnia ExxonMobil, prende di mira i tre grandi giacimenti di Uaru, Mako e Snoek. Il pozzo Snoek-1...

Petrobras conclude la vendita dei giacimenti di Ceará

La compagnia petrolifera statale Petrobras, ha affermato in un comunicato di aver concluso la vendita di tutte le sue partecipazioni nei giacimenti onshore di...

Talos Energy e Pemex lavorano a un piano per sviluppare il campo offshore di Zama

La compagnia petrolifera statunitense Talos Energy ha riferito in un rapporto alla Security Exchange Commission che sta lavorando fianco a fianco con Pemex per...

La Tran-Adriatic-Pipeline, meglio nota come TAP, il gasdotto che collegherà Grecia, Albania e Italia, ha ottenuto dalla Banca Europea degli Investimenti (BEI) un finanziamento di 1,6 miliardi di euro.

A rivelarlo è lo stesso istituto finanziario europeo con sede in Lussemburgo, che in una nota rende conto delle decisioni prese durante il primo consiglio di amministrazione del 2018. In totale la BEI ha approvato finanziamenti per 6,5 miliardi di euro, destinati a 17 diversi progetti in Paesi europei e a schemi di intervento in Africa, Asia e America Latina.

In questo maxi-pacchetto rientra proprio il sostegno concesso a TAP, pipeline lunga 878 Km in grado di movimentare 10 miliardi di metri cubi di gas all’anno che attraverserà la Grecia del Sud, l’Albania e il Mar Adriatico per arrivare poi nell’Italia meridionale (in Puglia) e connettersi quindi alla rete nazionale di distribuzione del gas. L’infrastruttura – come ricorda la stessa BEI – fa parte Southern Gas Corridor, iniziativa identificata dal Consiglio dei Ministri, dalla Commissione Europea e dal Parlamento Europeo come una componente strategica per la politica energetica dell’Unione. Trasporterà infatti in Europa il gas estratto dal giacimento Shah Deniz 2, in Azerbaijan, consentendo al Vecchio Continente di diversificare le proprie fonti di approvvigionamento e rafforzare quindi la sicurezza energetica dell’Unione.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni compie una nuova importante scoperta di gas a largo di Cipro

Eni annuncia una importante scoperta di gas con il pozzo Cronos-1, nel Blocco 6, a circa 160 chilometri al largo di Cipro, in una...

ExxonMobil scopre nuove riserve di petrolio

Il quinto progetto nel blocco Stabroek condotto dalla compagnia ExxonMobil, prende di mira i tre grandi giacimenti di Uaru, Mako e Snoek. Il pozzo Snoek-1...

Petrobras conclude la vendita dei giacimenti di Ceará

La compagnia petrolifera statale Petrobras, ha affermato in un comunicato di aver concluso la vendita di tutte le sue partecipazioni nei giacimenti onshore di...

Talos Energy e Pemex lavorano a un piano per sviluppare il campo offshore di Zama

La compagnia petrolifera statunitense Talos Energy ha riferito in un rapporto alla Security Exchange Commission che sta lavorando fianco a fianco con Pemex per...

Pemex aiuterà a spegnere l’incendio del serbatoio di stoccaggio di petrolio a Cuba

Per ordine del Presidente del Messico, il personale specializzato della compagnia Pemex si è recato a Cuba per aiutare a estinguere l'incendio causato venerdì...