mercoledì, Ottobre 27, 2021

GASDOTTO TAP: 1,6 MILIARDI DI FINANZIAMENTI DALLA BANCA EUROPEA DEGLI INVESTIMENTI

Must read

Dopo oltre dieci anni, il Messico riprende l’esportazione di diesel

Attraverso un nuovo comunicato stampa Pemex afferma di aver ripreso le esportazioni di diesel dopo aver sospeso questa attività più di 11 anni fa. Pemex,...

Colombia. Ecopetrol inaugura un nuovo impianto di produzione di energia elettrica a gas

La compagnia petrolifera Ecopetrol ha comunicato di aver messo in funzione nella città di Meta un nuovo impianto di produzione di energia elettrica a...

Petroperù ha avuto un utile lordo di 320 milioni di euro in settembre

La compagnia Petroperú ha chiuso il mese di settembre con un utile lordo di 320 milioni di euro, 200 milioni in più rispetto allo...

Petrobras mantiene la crescita della produzione nel terzo trimestre

Secondo il comunicato di Petrobras, la produzione media di petrolio, GNL e gas naturale ha raggiunto 2,8 milioni di barili di petrolio equivalente al...

La Tran-Adriatic-Pipeline, meglio nota come TAP, il gasdotto che collegherà Grecia, Albania e Italia, ha ottenuto dalla Banca Europea degli Investimenti (BEI) un finanziamento di 1,6 miliardi di euro.

A rivelarlo è lo stesso istituto finanziario europeo con sede in Lussemburgo, che in una nota rende conto delle decisioni prese durante il primo consiglio di amministrazione del 2018. In totale la BEI ha approvato finanziamenti per 6,5 miliardi di euro, destinati a 17 diversi progetti in Paesi europei e a schemi di intervento in Africa, Asia e America Latina.

In questo maxi-pacchetto rientra proprio il sostegno concesso a TAP, pipeline lunga 878 Km in grado di movimentare 10 miliardi di metri cubi di gas all’anno che attraverserà la Grecia del Sud, l’Albania e il Mar Adriatico per arrivare poi nell’Italia meridionale (in Puglia) e connettersi quindi alla rete nazionale di distribuzione del gas. L’infrastruttura – come ricorda la stessa BEI – fa parte Southern Gas Corridor, iniziativa identificata dal Consiglio dei Ministri, dalla Commissione Europea e dal Parlamento Europeo come una componente strategica per la politica energetica dell’Unione. Trasporterà infatti in Europa il gas estratto dal giacimento Shah Deniz 2, in Azerbaijan, consentendo al Vecchio Continente di diversificare le proprie fonti di approvvigionamento e rafforzare quindi la sicurezza energetica dell’Unione.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Dopo oltre dieci anni, il Messico riprende l’esportazione di diesel

Attraverso un nuovo comunicato stampa Pemex afferma di aver ripreso le esportazioni di diesel dopo aver sospeso questa attività più di 11 anni fa. Pemex,...

Colombia. Ecopetrol inaugura un nuovo impianto di produzione di energia elettrica a gas

La compagnia petrolifera Ecopetrol ha comunicato di aver messo in funzione nella città di Meta un nuovo impianto di produzione di energia elettrica a...

Petroperù ha avuto un utile lordo di 320 milioni di euro in settembre

La compagnia Petroperú ha chiuso il mese di settembre con un utile lordo di 320 milioni di euro, 200 milioni in più rispetto allo...

Petrobras mantiene la crescita della produzione nel terzo trimestre

Secondo il comunicato di Petrobras, la produzione media di petrolio, GNL e gas naturale ha raggiunto 2,8 milioni di barili di petrolio equivalente al...

La produzione di petrolio in Argentina è scesa del 21% in un mese

Il Segretariato per l'Energia dell'Argentina ha riferito che la produzione di petrolio convenzionale a settembre è stata di 296.514 barili al giorno. Nello stesso mese,...