lunedì, Ottobre 3, 2022

GAZPROM: LE DUE LINEE DEL TURKSTREAM GIA’ RIEMPITE DI GAS, PIPELINE IN FUNZIONE ENTRO FINE ANNO

Must read

Eni si candida in UK per una licenza di stoccaggio di CO2 nel giacimento di Hewett

Eni UK annuncia di aver sottoposto alla North Sea Transition Authority (NSTA) la candidatura per una licenza di stoccaggio di anidride carbonica nel giacimento...

YPFB investirà nel sistema di distribuzione del gas naturale di Puerto Suárez

Il sistema di distribuzione del gas naturale andrà a beneficio del settore produttivo della città di Puerto Suárez (al confine con il Brasile), poiché...

Eni compie una nuova importante scoperta di gas a largo di Cipro

Eni annuncia una importante scoperta di gas con il pozzo Cronos-1, nel Blocco 6, a circa 160 chilometri al largo di Cipro, in una...

ExxonMobil scopre nuove riserve di petrolio

Il quinto progetto nel blocco Stabroek condotto dalla compagnia ExxonMobil, prende di mira i tre grandi giacimenti di Uaru, Mako e Snoek. Il pozzo Snoek-1...

Il TurkStream, nuovo gasdotto che porterà il gas russo in Turchia (e da lì una quota raggiungerà l’Europa) attraverso il Mar Nero, entrerà in funzione entro la fine del 2019, nel pineo rispetto dei tempi previsti.

Lo ha confermato nei giorni scorsi, con una nota ufficiale, Gazprom, colosso pubblico russo che ha promosso e realizzato l’opera – di fatto un’alternativa al SouthStream, progetto a lungo studiato e poi accantonato dopo che una seria di lavori erano già stati appaltati a diverse aziende, compresa l’italiana Saipem (che aveva quindi avviato un contenzioso, risolto solo di recente) – e che ha assicurato: “Il collaudo del gasdotto è ormai nelle sue fasi finali e la condotta inizierà ad operare entro la fine dell’anno. Al momento entrambe le linee sottomarine (l’infrastruttura si compone di due pipeline parallele lunghe 930 Km, con una capacità di oltre 15 miliardi di metri cubi all’anno ciascuna; ndr) che collegano la stazione onshore di Anapa (città che si trova sulla costa russa del Mar Nero; ndr) con il terminal di ricezione sulla costa della Turchia, vicina Kiyikoy, sono già state riempite di gas, mentre il tratto terrestre in territorio russo è già pronte e alla stazione di ricezione turca sono in fase di completamento i test”.

Tempistiche che sono state poi confermate anche dal ministro dell’Energia e delle Risorse naturali di Ankara, Fatih Donmez, che nel corso di una visita al cantiere del TurkStream, nella provincia occidentale di Kirklareli, ha assicurato: il gasdotto sarà completato ed entrerà in funzione entro la fine dell’anno.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni si candida in UK per una licenza di stoccaggio di CO2 nel giacimento di Hewett

Eni UK annuncia di aver sottoposto alla North Sea Transition Authority (NSTA) la candidatura per una licenza di stoccaggio di anidride carbonica nel giacimento...

YPFB investirà nel sistema di distribuzione del gas naturale di Puerto Suárez

Il sistema di distribuzione del gas naturale andrà a beneficio del settore produttivo della città di Puerto Suárez (al confine con il Brasile), poiché...

Eni compie una nuova importante scoperta di gas a largo di Cipro

Eni annuncia una importante scoperta di gas con il pozzo Cronos-1, nel Blocco 6, a circa 160 chilometri al largo di Cipro, in una...

ExxonMobil scopre nuove riserve di petrolio

Il quinto progetto nel blocco Stabroek condotto dalla compagnia ExxonMobil, prende di mira i tre grandi giacimenti di Uaru, Mako e Snoek. Il pozzo Snoek-1...

Petrobras conclude la vendita dei giacimenti di Ceará

La compagnia petrolifera statale Petrobras, ha affermato in un comunicato di aver concluso la vendita di tutte le sue partecipazioni nei giacimenti onshore di...