venerdì, Aprile 12, 2024

Gazprom rischia di dover rimborsare l’Europa per la chiusura dei rubinetti

Must read

Novità al vertice: Maurizio Coratella è il nuovo Vicepresidente di McDermott

Maurizio Coratella, aresino classe 1965, è stato nominato Vicepresidente esecutivo e Direttore operativo di McDermott International Ltd, presso cui presterà servizio a partire dal...

Nuova scoperta di Petrobras in acque profonde

Nel bacino del Potiguar, a circa 190 chilometri da Fortaleza, in Brasile, Petrobras ha scoperto un accumulo di petrolio in acque ultra profonde a...

Pichetto Fratin: “Gas indispensabile fino al 2050”

Nel corso di un'intervista rilasciata dal Ministro dell'Ambiente e della Sicurezza Energetica Gilberto Pichetto Fratin a Simone Spetia e andata in onda durante la...

TotalEnergies si espande in Texas

La multinazionale francese TotalEnergies ha acquisito il 20% della partecipazione al progetto Dorado nell'ambito del giacimento di gas naturale Eagle Ford, in Texas, detenuto...

Uniper in Germania, Eni in Italia, Europol Gaz in Polonia, Engie in Francia: queste sono solo alcune delle società che hanno deciso di aprire un contenzioso con Gazprom per non aver rispettato i contratti di fornitura previsti.

Dallo scoppio del conflitto russo-ucraino, infatti, Putin aveva deciso di chiudere i rubinetti del gasdotto Gazprom verso l’Europa, come “ripicca” per le numerose sanzioni che i paesi dell’Unione avevano combinato alla Russia.

I contratti che prevedevano la fornitura del gas, però, risalivano a prima dell’inizio del conflitto e perciò la mancata erogazione nel 2022 ha spinto la società tedesca Uniper, maggior importatrice di gas russo di cui si aspettava 20 miliardi di metri cubi, ad aprire un contenzioso nei confronti della multinazionale, seguita a ruota da Eni e da tutte le altre società europee importatrici di gas.

Sebbene le quantità di gas importate dall’azienda del cane a sei zampe fossero lievemente inferiori rispetto a quelle tedesche – 17 miliardi di metri cubi, di cui 11 sarebbero andati all’Italia e 6 alla Turchia – la cifra che spetterebbe ad Eni sarebbe in linea a quella di Uniper, ossia circa 12/12,5 miliardi di Euro.

Il contenzioso sarebbe partito ai primi di maggio e, secondo quanto previsto dai contratti, sarà giudicato a Stoccolma in data da destinarsi.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Novità al vertice: Maurizio Coratella è il nuovo Vicepresidente di McDermott

Maurizio Coratella, aresino classe 1965, è stato nominato Vicepresidente esecutivo e Direttore operativo di McDermott International Ltd, presso cui presterà servizio a partire dal...

Nuova scoperta di Petrobras in acque profonde

Nel bacino del Potiguar, a circa 190 chilometri da Fortaleza, in Brasile, Petrobras ha scoperto un accumulo di petrolio in acque ultra profonde a...

Pichetto Fratin: “Gas indispensabile fino al 2050”

Nel corso di un'intervista rilasciata dal Ministro dell'Ambiente e della Sicurezza Energetica Gilberto Pichetto Fratin a Simone Spetia e andata in onda durante la...

TotalEnergies si espande in Texas

La multinazionale francese TotalEnergies ha acquisito il 20% della partecipazione al progetto Dorado nell'ambito del giacimento di gas naturale Eagle Ford, in Texas, detenuto...

McDermott firma un grosso contratto in Malesia

A distanza di 14 anni dal primo progetto malese, McDermott ottiene un nuovo contratto, dal valore compreso tra 1 e 50 milioni di dollari,...