lunedì, Marzo 1, 2021

GNL: L’AUSTRALIA CORRE MA IL QATAR RESTA IL PRIMO ESPORTATORE MONDIALE

Must read

Dal 2022 Total potrà rifornire di GNL le navi nel porto di Singapore

La Port Authority di Singapore ha annunciato di aver concesso al gruppo Total una nuova autorizzazione per svolgere le operazioni di bunkeraggio di GNL...

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

Al via dal prossimo anno il servizio small scale della FSRU Toscana di OLT Offshore

La FSRU Toscana avvierà le operazioni di small scale GNL a gennaio 2022, mentre già nei prossimi mesi lancerà un sondaggio di mercato e...

Nuove date per l’OMC 2021, che si svolgerà a Ravenna dal 28 al 30 settembre

La 15esima edizione della fiera OMC (Offshore Mediterranean Conference) di Ravenna non si svolgerà a maggio, come inizialmente previsto, ma dal 28 al 30...

Alle attuali condizioni, l’Australia non riuscirà a scalzare il Qatar e a diventare stabilmente il primo produttore al mondo di gas naturale liquefatto. Un sorpasso, in termini di volumi di GNL venduti annualmente a livello internazionale, potrebbe esserci, ma il paese oceanico sarebbe in grado di sopravanzare il rivale mediorientale soltanto per alcuni mesi, tra il 2019 e il 2020, quando si verificherà il picco produttivo dei giacimenti australiani.

Una condizione che tuttavia, secondo una recente analisti pubblicata da S&P Global Platts, è destinata a durare ben poco, a causa di una serie di fattori che non consentirebbero all’ex colonia britannica di raggiungere e difendere con successo il primo gradino del podio.

La capacità produttiva del Qatar, il primo esportatore mondiale di GNL, è pari a 77 milioni di tonnellate all’anno, mentre la capacità nominale dei 10 siti produttivi dell’Australia raggiunge gli 88 milioni di tonnellate. Il problema è – spiega Platts – che, mentre il Qatar è in grado di raggiungere, e talvolta anche di superare, la propria capacità massima, gli impianti australiani stanno lavorando mediamente all’85% della loro capacità produttiva massima.

Nell’anno fiscale 2017-2018, l’Australia ha esportato 62 milioni di tonnellate di GNL, mentre il Governo prevede che per l’anno 2019-2020 le vendite dovrebbero toccare quota 77 milioni di tonnellate, avvicinandosi di molto ai volumi del Qatar, e il picco dovrebbe essere raggiunto nel 2020 con 79,4 milioni di tonnellate. Nel frattempo, però, anche il Qatar incrementerà ulteriormente i suoi volumi, arrivando a 80,7 milioni nel 2020 e puntando a raggiungere i 100 milioni come target per l’export.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Dal 2022 Total potrà rifornire di GNL le navi nel porto di Singapore

La Port Authority di Singapore ha annunciato di aver concesso al gruppo Total una nuova autorizzazione per svolgere le operazioni di bunkeraggio di GNL...

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

Al via dal prossimo anno il servizio small scale della FSRU Toscana di OLT Offshore

La FSRU Toscana avvierà le operazioni di small scale GNL a gennaio 2022, mentre già nei prossimi mesi lancerà un sondaggio di mercato e...

Nuove date per l’OMC 2021, che si svolgerà a Ravenna dal 28 al 30 settembre

La 15esima edizione della fiera OMC (Offshore Mediterranean Conference) di Ravenna non si svolgerà a maggio, come inizialmente previsto, ma dal 28 al 30...

Shell lancia anche in Italia la sua gamma di lubrificanti ‘carbon neutral’

Shell ha annunciato oggi il lancio della gamma di lubrificanti Carbon Neutral, ovvero a impatto zero di CO2e, disponibile in Italia e nei principali...