venerdì, Agosto 6, 2021

GNL: L’AUSTRALIA CORRE MA IL QATAR RESTA IL PRIMO ESPORTATORE MONDIALE

Must read

Ecuador aumenta del 238% le esportazioni di petrolio negli Stati Uniti

In base al nuovo rapporto statistico della compagnia statale Petroamazonas, in maggio l'Ecuador ha esportato negli Stati Uniti una media di 196.000 barili di...

Schlumberger ha aumentato i suoi profitti dell’8%

Il gigante dei servizi petroliferi ha superato le aspettative nel secondo trimestre del 2021 e la tendenza conferma la crescita a breve e medio...

Il 56% delle attività a rischio di Repsol si trovano in Venezuela

La compagnia petrolifera spagnola Repsol ha presentato i suoi risultati finanziari del primo semestre 2021, in cui indica che i loro asset esposti a...

Snam – I gasdotti potranno trasportare in futuro l’idrogeno prodotto dalle rinnovabili

“Domani avremo idrogeno prodotto in Nord Africa, nel Mare del Nord, con risorse solari ed eoliche e quell’idrogeno può viaggiare attraverso il sistema esistente...

Alle attuali condizioni, l’Australia non riuscirà a scalzare il Qatar e a diventare stabilmente il primo produttore al mondo di gas naturale liquefatto. Un sorpasso, in termini di volumi di GNL venduti annualmente a livello internazionale, potrebbe esserci, ma il paese oceanico sarebbe in grado di sopravanzare il rivale mediorientale soltanto per alcuni mesi, tra il 2019 e il 2020, quando si verificherà il picco produttivo dei giacimenti australiani.

Una condizione che tuttavia, secondo una recente analisti pubblicata da S&P Global Platts, è destinata a durare ben poco, a causa di una serie di fattori che non consentirebbero all’ex colonia britannica di raggiungere e difendere con successo il primo gradino del podio.

La capacità produttiva del Qatar, il primo esportatore mondiale di GNL, è pari a 77 milioni di tonnellate all’anno, mentre la capacità nominale dei 10 siti produttivi dell’Australia raggiunge gli 88 milioni di tonnellate. Il problema è – spiega Platts – che, mentre il Qatar è in grado di raggiungere, e talvolta anche di superare, la propria capacità massima, gli impianti australiani stanno lavorando mediamente all’85% della loro capacità produttiva massima.

Nell’anno fiscale 2017-2018, l’Australia ha esportato 62 milioni di tonnellate di GNL, mentre il Governo prevede che per l’anno 2019-2020 le vendite dovrebbero toccare quota 77 milioni di tonnellate, avvicinandosi di molto ai volumi del Qatar, e il picco dovrebbe essere raggiunto nel 2020 con 79,4 milioni di tonnellate. Nel frattempo, però, anche il Qatar incrementerà ulteriormente i suoi volumi, arrivando a 80,7 milioni nel 2020 e puntando a raggiungere i 100 milioni come target per l’export.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Ecuador aumenta del 238% le esportazioni di petrolio negli Stati Uniti

In base al nuovo rapporto statistico della compagnia statale Petroamazonas, in maggio l'Ecuador ha esportato negli Stati Uniti una media di 196.000 barili di...

Schlumberger ha aumentato i suoi profitti dell’8%

Il gigante dei servizi petroliferi ha superato le aspettative nel secondo trimestre del 2021 e la tendenza conferma la crescita a breve e medio...

Il 56% delle attività a rischio di Repsol si trovano in Venezuela

La compagnia petrolifera spagnola Repsol ha presentato i suoi risultati finanziari del primo semestre 2021, in cui indica che i loro asset esposti a...

Snam – I gasdotti potranno trasportare in futuro l’idrogeno prodotto dalle rinnovabili

“Domani avremo idrogeno prodotto in Nord Africa, nel Mare del Nord, con risorse solari ed eoliche e quell’idrogeno può viaggiare attraverso il sistema esistente...

Iniziano i lavori di produzione presso il pozzo East Cendor, in Malesia

A 140 chilometri dalle coste della Penisola Malese, sono stati avviati da Petrofac Malaysia Ltd. i lavori presso il pozzo East Cendor, che diventa...