venerdì, Aprile 23, 2021

GNL: L’EUROPA PUBBLICA LA LINEE GUIDA PER IL RIFORNIMENTO DELLE NAVI

Must read

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’utilizzo del GNL (gas naturale liquefatto) come carburante navale sta diventando una pratica sempre più diffusa: molte delle navi da crociera e anche alcuni traghetti attualmente in costruzione dai cantieri saranno dotati di sistemi di propulsione ibrida, e i porti europei, compresi quelli italiani, si stanno progressivamente dotando delle strutture adatte per effettuare il rifornimento di gas liquido a queste nuove unità (bunkeraggio di GNL).

Motivo per cui l’Unione Europea, e in particolare la European Maritime Safety Agency (EMSA) – agenzia con sede a Lisbona, in Portogallo – hanno deciso di intervenire sul tema provando a definire meglio il contesto normativo in cui queste operazioni, oggi ancora pionieristiche, si svolgeranno sempre più frequentemente.

Nei gironi scorsi, infatti, la EMSA ha pubblicato sul proprio sito istituzionale le ‘Guidance on LNG Bunkering to Port Authorities and Administrations’, ovvero una serie di linee guida destinate alle autorità portuali e alle altre pubbliche amministrazioni competenti in tema di utilizzo del GNL come carburante per le navi.

Il documento, che si compone di oltre 400 pagine ed è stato redatto in collaborazione con la DG Move della Commissione Europea, gli Stati membri dell’UE e i rappresentanti dell’industria marittima nel contesto dell’European Sustainable Shipping Forum, analizza il contesto di mercato del settore, l’attuale assetto normativo che lo regola, chiarisce quali sono i percorsi autorizzativi che le amministrazioni devono compiere per ottenere i permessi e realizzare così nuovi depositi e hub per il rifornimento nei porti, riservando poi ampio spazio ai temi più strettamente operativi e quindi ai rischi connessi con questo nuovo combustibile, nonché alla sicurezza.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...