giovedì, Aprile 22, 2021

I DIPENDENTI DI SAIPEM XSIGHT AL POLITECNICO DI MILANO PER STUDIARE LE RINNOVABILI

Must read

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...

Petrobras cerca operatori internazionali per assegnare la gestione del terminal di rigassificazione Bahia LNG

Procede il processo avviato dalla corporation petrolifera statale brasiliana Petrobras per affidare la gestione del terminal di rigassificazione offshore Bahia LNG. La procedura, partita nella...

XSIGHT, la divisione di Saipem dedicata ai servizi di ingegneria ad alto valore aggiunto, e il Politecnico di Milano hanno avviato insieme un programma di formazione per i dipendenti dell’azienda per potenziare gli skills nelle energie rinnovabili.

L’obiettivo di Saipem è potenziare ulteriormente le competenze tecniche nel settore delle rinnovabili in un’ottica generale di diversificazione del proprio business e di maggiore competitività sul mercato.

Il percorso formativo dal titolo “Capacity Building in Renewable Energies” è stato progettato insieme a 3 dipartimenti del Politecnico di Milano (Energia, Meccanica, Civile-Ambientale) in accordo alle specifiche esigenze espresse dalla nuova divisione. È stato strutturato in 9 moduli per un totale di 117 ore e ha coinvolto 38 dipendenti della divisione per una media di circa 4 giorni di formazione ciascuno.

Nel corso del programma, in ciascun modulo, sono stati affrontati gli argomenti ritenuti di interesse e in accordo con i piani strategici di business di Saipem: energia solare, eolica, biomassa, geotermia, oceani, stoccaggio di energia, gestione della CO2, idrogeno pulito e gestione delle risorse idriche. Ogni modulo è stato organizzato con project work, case studies e lezioni in classe, tenute da docenti del Politecnico sia nel quartier generale di Saipem a San Donato Milanese sia presso le aule dello stesso Politecnico.

Il corso è una vera e propria novità nel panorama di prodotti formativi messi a disposizione dal Politecnico di Milano o da altre strutture accademiche. Infatti non è un master post laurea o un corso di specializzazione, ma uno strumento utile a fornire oltre alle necessarie nozioni sulle aree tematiche menzionate, ma soprattutto per stimolare spunti di riflessione sulle tecnologie esistenti per valutarne possibili sviluppi e nuove applicazioni.

Le tecnologie legate all’energia pulita (dunque sia gas che rinnovabili) sono un’importante frontiera per Saipem: proprio di recente Stefano Cao, amministratore delegato della società, ha affermato in un’intervista a Bloomberg che entro il 2020 saranno circa il 50-60% del portfolio dei progetti.

Mauro Piasere, Capo della divisione XSIGHT di Saipem: “XSIGHT sta sviluppando un portfolio completo di servizi di ingegneria, di consulenze tecnico – gestionali e finanziare nell’ambito delle energie rinnovabili e green con uno specifico team dedicato a tempo pieno e che opera all’interno dell’ufficio di Ingegneria della nostra divisione. Il team si occupa della definizione delle migliori soluzioni progettuali e operative da proporre al Cliente, sviluppate sia con sole energie rinnovabili e green, sia integrandole in impianti a tecnologie energetiche tradizionali, per mitigare il livello complessivo di emissioni in ambiente”.

Il professor Luigi Pietro Maria Colombo, docente del Dipartimento di Energia del Politecnico di Milano ha commentato: “Il Politecnico tramite l’ufficio Master e Formazione Permanente sviluppa partnership strategiche con il mondo industriale per favorire la formazione e l’aggiornamento continuo. Le aziende possono usufruire di un accompagnamento e di un orientamento personalizzato verso il centro di competenza di Ateneo più in linea con le reali esigenze di

aggiornamento tecnico o la costruzione di nuovi profili professionali attualmente carenti nell’azienda. D’altra parte, il confronto con la realtà aziendale consente ai docenti del Politecnico di verificare come i risultati delle proprie attività di ricerca siano recepiti e implementati in soluzioni tecnologiche a livello industriale, favorendo quel rapporto di reciprocità tra il mondo della ricerca accademica e dell’impresa, che è il motore dell’innovazione”.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...

Petrobras cerca operatori internazionali per assegnare la gestione del terminal di rigassificazione Bahia LNG

Procede il processo avviato dalla corporation petrolifera statale brasiliana Petrobras per affidare la gestione del terminal di rigassificazione offshore Bahia LNG. La procedura, partita nella...

PAROLE DI SCIENZA (a cura di Roberto Vacca) Il degrado culturale corrompe il nostro pensare

Se eri considerato una persona colta vari decenni fa , e anche se hai provato ad aggiornarti, ti senti come lo scemo del villaggio...