giovedì, Maggio 19, 2022

I prezzi della benzina aumentano del 41% negli Stati Uniti

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

I prezzi della benzina negli Stati Uniti sono saliti alle stelle: la pandemia piano piano sta sparendo, le economie riaprono e aumenta il numero di persone che viaggiano. Nel frattempo, la crescente domanda è stata soddisfatta anche con la riduzione dell’offerta di greggio nelle ultime settimane.

Secondo il club automobilistico statunitense AAA il prezzo della benzina è aumentato del 41% rispetto alo stesso periodo dell’anno scorso.

Siamo quindi di fronte a una speculazione o a un incremento prodotto da un equilibrio della domanda e offerta attuale? E’ ancora presto per affermarlo, ma gli aumenti dei prezzi sono più veloci della ripresa dell’economia.

Alcuni esperti internazionali hanno affermato che In mezzo a una minore produzione di petrolio e mentre le compagnie petrolifere aumentano la produzione, i prezzi della benzina sono stati più alti questa estate rispetto all’anno scorso.

Inoltre, il prezzo della benzina è solitamente più alto alla fine del primo semestre, poiché le raffinerie passano a miscele di combustibili più costose, allo scopo di ridurre le emissioni e lo smog durante i mesi estivi.

Infine, i prezzi più alti del gas sono una diretta conseguenza dell’aumento del barile di petrolio visto che il prezzo Henry Hub é strettamente legato ai prezzi del Brent e del WTI.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...