venerdì, Aprile 23, 2021

IL CORONAVIRUS FRENA LA CRESCITA DELL’IMPORT CINESE DI PETROLIO

Must read

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

Il Coronavirus, per il momento, non ha fermato, ma ha nettamente rallentato la costante crescita delle importazioni petrolifere cinesi: nei primi 2 mesi dell’anno, infatti, la Repubblica Popolare ha importato via mare 76,8 milioni tonnellate di greggio, secondo i dati di Refinitiv citati nel suo ultimo report dal broker navale genovese Banchero Costa.

Una cifra che rappresenta un +3,4% rispetto al periodo gennaio-febbraio 2019: un incremento quindi c’è stato, ma la sua entità si è rivelata decisamente minore del +18,6% registrato nei primi due mesi dello scorso anno, rispetto allo stesso intervallo del 2018. C’è quindi un rallentamento evidente e – secondo gli analisti di Banchero Costa – il trend ‘calante’ è destinato ad accentuarsi ulteriormente nel corso del mese di marzo 2020.

Per quanto riguarda invece l’intero anno 2019, l’import cinese di petrolio si è dimostrato in sensibile aumento rispetto al 2018: 447,6 milioni di tonnellate totali (si parla sempre del solo greggio importato via mare), il 9,8% in più su base annua.

Quasi la metà del totale di queste forniture, e cioè il 47%, è arrivato dal Golfo Arabo, con un netto balzo in avanti dell’Arabia Saudita, il cui export verso la Cina lo scorso anno è stato pari a 77,9 milioni di tonnellate, il 47,5% in più rispetto al 2018 e il 17% del volume totale di petrolio importato da Pechino nel 2018. In crescita anche gli approvvigionamenti in partenza dall’Iraq: 49,8 milioni di tonnellate, il 20,7% in più rispetto al 2018 e l’11% del quantitativo totale di greggio importato dalla Cina via mare nel 2019.

Stabile l’import dal Sud America (Venezuela -23,5% a 10,4 milioni di tonnellate, calo più che compensato dal +39,9% del Brasile, a 34,9 milioni di tonnellate), mentre è ovviamente crollato – a causa della guerra commerciale tra Washington e Pechino, che proprio lo scorso anno aveva raggiunto il suo culmine di intensità – l’importo di greggio statunitense, diminuito del 56,5% a soli 5,3 milioni di tonnellate.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...