martedì, Febbraio 7, 2023

IL CORONAVIRUS FRENA LA CRESCITA DELL’IMPORT CINESE DI PETROLIO

Must read

Messico. Sette giacimenti concentrano più della metà della produzione di liquidi

Secondo i dati della Commissione Nazionale degli Idrocarburi (CNH), dei 247 giacimenti petroliferi attivi nel paese, sette concentrano la metà della produzione dei liquidi. Infatti...

Saipem – Due contratti offshore da 900 milioni di dollari

Saipem si è aggiudicata due contratti offshore per un importo complessivo di circa 900 milioni di dollari. Il primo contratto - in partnership con Aker...

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

Il Coronavirus, per il momento, non ha fermato, ma ha nettamente rallentato la costante crescita delle importazioni petrolifere cinesi: nei primi 2 mesi dell’anno, infatti, la Repubblica Popolare ha importato via mare 76,8 milioni tonnellate di greggio, secondo i dati di Refinitiv citati nel suo ultimo report dal broker navale genovese Banchero Costa.

Una cifra che rappresenta un +3,4% rispetto al periodo gennaio-febbraio 2019: un incremento quindi c’è stato, ma la sua entità si è rivelata decisamente minore del +18,6% registrato nei primi due mesi dello scorso anno, rispetto allo stesso intervallo del 2018. C’è quindi un rallentamento evidente e – secondo gli analisti di Banchero Costa – il trend ‘calante’ è destinato ad accentuarsi ulteriormente nel corso del mese di marzo 2020.

Per quanto riguarda invece l’intero anno 2019, l’import cinese di petrolio si è dimostrato in sensibile aumento rispetto al 2018: 447,6 milioni di tonnellate totali (si parla sempre del solo greggio importato via mare), il 9,8% in più su base annua.

Quasi la metà del totale di queste forniture, e cioè il 47%, è arrivato dal Golfo Arabo, con un netto balzo in avanti dell’Arabia Saudita, il cui export verso la Cina lo scorso anno è stato pari a 77,9 milioni di tonnellate, il 47,5% in più rispetto al 2018 e il 17% del volume totale di petrolio importato da Pechino nel 2018. In crescita anche gli approvvigionamenti in partenza dall’Iraq: 49,8 milioni di tonnellate, il 20,7% in più rispetto al 2018 e l’11% del quantitativo totale di greggio importato dalla Cina via mare nel 2019.

Stabile l’import dal Sud America (Venezuela -23,5% a 10,4 milioni di tonnellate, calo più che compensato dal +39,9% del Brasile, a 34,9 milioni di tonnellate), mentre è ovviamente crollato – a causa della guerra commerciale tra Washington e Pechino, che proprio lo scorso anno aveva raggiunto il suo culmine di intensità – l’importo di greggio statunitense, diminuito del 56,5% a soli 5,3 milioni di tonnellate.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Messico. Sette giacimenti concentrano più della metà della produzione di liquidi

Secondo i dati della Commissione Nazionale degli Idrocarburi (CNH), dei 247 giacimenti petroliferi attivi nel paese, sette concentrano la metà della produzione dei liquidi. Infatti...

Saipem – Due contratti offshore da 900 milioni di dollari

Saipem si è aggiudicata due contratti offshore per un importo complessivo di circa 900 milioni di dollari. Il primo contratto - in partnership con Aker...

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

Snam acquista 5 i nuovi impianti di biogas agricolo in Veneto e Friuli Venezia-Giulia

IES Biogas, controllata di Snam4Environment, società del gruppo Snam attiva nel settore del biometano e dell'economia circolare, ha acquistato cinque impianti di biogas agricolo...