sabato, Settembre 18, 2021

IL FONDO SOVRANO NORVEGESE SI PREPARA A USCIRE DALL’OIL&GAS

Must read

Snam partecipa a Biogas Italy per promuovere la transizione energetica e la decarbonizzazione del settore dei trasporti

Snam sarà presente a Biogas Italy, l’evento dedicato al biogas e biometano agricolo che avrà luogo a Roma i prossimi 22 e 23 settembre...

Ecuador. I lavori di riparazione dell’unità FCC della raffineria di Esmeraldas sono stati completati

La compagnia statale Petroecuador ha annunciato che i lavori di manutenzione, riparazione e avviamento dell'Unità di cracking catalitico (FCC) della Raffineria Esmeraldas sono stati...

Pemex cancella i contratti con Vitol a causa di uno scandalo di corruzione

La compagnia Petróleos Mexicanos (Pemex) ha annullato tre contratti con Vitol, a causa di un episodio di corruzione negli Stati Uniti che ha coinvolto...

Carburanti sostenibili per il trasporto pubblico – il commento di Andrea Arzà e Assogasliquidi-Federchimica

Andrea Arzà, AD di Liquigas e presidente di Assogasliquidi-Federchimica, è intervenuto in merito al recente invito del Parlamento al Governo nell’estendere l’uso di veicoli...

Il fondo sovrano della Norvegia (Government Pension Fund Global – Gpfg), il più ricco del mondo con un patrimonio gestito di quasi 1.000 miliardi di dollari, potrebbe disinvestire pesantemente dall’oil&gas, un’operazione che avrebbe effetti tangibili sull’intera industria a livello mondiale.

Il fondo, gestito dalla Banca Centrale norvegese per impiegare i proventi dell’attività di estrazione petrolifera, è azionista di maggioranza della corporation nazionale Statoil con il 67%, ma nel corso degli anni passati ha investito in modo massiccio nell’industria petrolifera a livello internazionale e oggi detiene partecipazioni significative in alcune delle principali major come ExxonMobile, BP, Royal Dutch Shell e anche Eni.

Ma la Banca Centrale ha recentemente dichiarato che il Paese sarebbe meno esposto ad un eventuale declino strutturale dei prezzi di petrolio e gas se venissero dismessi gli asset controllati nell’industria, una decisione che avrebbe peraltro motivazioni non solo economiche, ma anche ambientali e che seguirebbe il già avviato processo di uscita del fondo sovrano norvegese dal business del carbone.

Il piano messo a punto dalla Banca Centrale prevedrebbe la cessione di titoli di alcune delle principali compagnie petrolifere del mondo per circa 40 miliardi di dollari, proprio per sottrarre il patrimonio – che, peraltro, deriva in larga misura proprio dall’attività petrolifera dell’azienda nazionale Statoil – dal rischio legato alle dinamiche di prezzo del petrolio.

La decisione dovrà essere approvata dal Governo e dal Parlamento e potrebbe essere implementata a partire dall’autunno 2018. I vertici della Banca Centrale hanno chiarito che una tale mossa non si baserebbe su previsioni particolarmente negative circa l’evoluzione del mercato oil&gas, ma la notizia nei giorni scorsi ha già messo fortemente sotto pressione i titoli delle oil major quotate sulle principali piazze finanziarie europee.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Snam partecipa a Biogas Italy per promuovere la transizione energetica e la decarbonizzazione del settore dei trasporti

Snam sarà presente a Biogas Italy, l’evento dedicato al biogas e biometano agricolo che avrà luogo a Roma i prossimi 22 e 23 settembre...

Ecuador. I lavori di riparazione dell’unità FCC della raffineria di Esmeraldas sono stati completati

La compagnia statale Petroecuador ha annunciato che i lavori di manutenzione, riparazione e avviamento dell'Unità di cracking catalitico (FCC) della Raffineria Esmeraldas sono stati...

Pemex cancella i contratti con Vitol a causa di uno scandalo di corruzione

La compagnia Petróleos Mexicanos (Pemex) ha annullato tre contratti con Vitol, a causa di un episodio di corruzione negli Stati Uniti che ha coinvolto...

Carburanti sostenibili per il trasporto pubblico – il commento di Andrea Arzà e Assogasliquidi-Federchimica

Andrea Arzà, AD di Liquigas e presidente di Assogasliquidi-Federchimica, è intervenuto in merito al recente invito del Parlamento al Governo nell’estendere l’uso di veicoli...

Costi del gas in aumento e corsa alla transizione ecologica – le posizioni del Premier Draghi e del Ministro Cingolani

Decarbonizzazione e transizione alle energie rinnovabili. Ospite al quindicesimo forum economico italo-tedesco “Ripartiamo con l’Italia”, svoltosi di recente a Cernobbio, il Presidente del Consiglio Mario...