venerdì, Maggio 20, 2022

IL FONDO SOVRANO NORVEGESE SI PREPARA A USCIRE DALL’OIL&GAS

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Il fondo sovrano della Norvegia (Government Pension Fund Global – Gpfg), il più ricco del mondo con un patrimonio gestito di quasi 1.000 miliardi di dollari, potrebbe disinvestire pesantemente dall’oil&gas, un’operazione che avrebbe effetti tangibili sull’intera industria a livello mondiale.

Il fondo, gestito dalla Banca Centrale norvegese per impiegare i proventi dell’attività di estrazione petrolifera, è azionista di maggioranza della corporation nazionale Statoil con il 67%, ma nel corso degli anni passati ha investito in modo massiccio nell’industria petrolifera a livello internazionale e oggi detiene partecipazioni significative in alcune delle principali major come ExxonMobile, BP, Royal Dutch Shell e anche Eni.

Ma la Banca Centrale ha recentemente dichiarato che il Paese sarebbe meno esposto ad un eventuale declino strutturale dei prezzi di petrolio e gas se venissero dismessi gli asset controllati nell’industria, una decisione che avrebbe peraltro motivazioni non solo economiche, ma anche ambientali e che seguirebbe il già avviato processo di uscita del fondo sovrano norvegese dal business del carbone.

Il piano messo a punto dalla Banca Centrale prevedrebbe la cessione di titoli di alcune delle principali compagnie petrolifere del mondo per circa 40 miliardi di dollari, proprio per sottrarre il patrimonio – che, peraltro, deriva in larga misura proprio dall’attività petrolifera dell’azienda nazionale Statoil – dal rischio legato alle dinamiche di prezzo del petrolio.

La decisione dovrà essere approvata dal Governo e dal Parlamento e potrebbe essere implementata a partire dall’autunno 2018. I vertici della Banca Centrale hanno chiarito che una tale mossa non si baserebbe su previsioni particolarmente negative circa l’evoluzione del mercato oil&gas, ma la notizia nei giorni scorsi ha già messo fortemente sotto pressione i titoli delle oil major quotate sulle principali piazze finanziarie europee.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...